Archivi categoria: Basket

La Federiciana chiude con una vittoria

PetraFedericiana
La Petra Federiciana al completo

Anche le sfide che non sono fondamentali per la classifica, la Federiciana le gioca con il massimo dell’intensità. Contro lo Sporting Bitonto, la squadra altamurana ha dimostrato un gioco molto variegato. L’attacco ha girato bene già dal primo quarto, quando i pivot hanno dominato la difesa bitontina, non dotata di giocatori di elevate stature. ( 11 – 18 alla fine del primo quarto). Il secondo quarto continua sulla stessa scia del primo: un’ottima difesa da parte dei ragazzi di Coach Lorusso consente solo 9 punti al Bitonto chiudendo sul 20 – 33.
Non è un vantaggio che assicura la vittoria, infatti il ritorno in campo dei giovanissimi bitontini è bruciante. Dopo aver raggiunto il pareggio durante il terzo quarto, la federiciana riprende a giocare e a dare ritmo alle azioni in attacco. Grazie anche a qualche tiro da tre punti, il terzo periodo vede ancora gli altamurani in testa per 41 – 49. Gli ultimi dieci minuti sono giocati ad altissimi livelli da entrambe le squadre. Con un parziale di 24 – 25, gli altamurani ottengono una bella vittoria, utile solo a dare maggiore entusiasmo in vista della seconda fase.
La Federiciana chiude la regular season con la miglior difesa di tutti i gironi della promozione pugliese. Un risultato importante e frutto dell’ottimo lavoro fatto in allenamento. Ma ora c’è molto da lavorare: la poule promozione è alle porte e le avversarie sono di tutto rispetto. Infatti, le avversarie della Federiciana saranno: Virtus Bitonto, Virtus Corato, Pol. Montedoro e Nuova Cestistica Ruvo. Per raggiungere il sogno della serie D bisognerà arrivare primi. Impresa ardua, ma gli altamurani hanno l’obbligo di provarci. Questa fase inizierà già il 19 Marzo e i ragazzi altamurani inizieranno con un riposo che servirà per riorganizzare il gioco e cercare di recuperare gli acciacchi di alcuni giocatori.

Federiciana battuta dal Conversano

Conversano-Federiciana
La foto negli spogliatoi

Una sconfitta, in casa del Conversano, che non fa male alla Federiciana. La gara è servita a Coach Lorusso per provare nuovi giochi in attacco. Con la qualificazione acquisita, è un lusso che si è potuto permettere.
Gli altamurani hanno avuto un ottimo inizio. con un parziale positivo che li ha visti in vantaggio per buona parte del primo quarto, prima della rimonta prepotente della squadra di casa che porta il punteggio sul 20 – 17 alla fine del primo quarto.
Il secondo quarto mostra una gara differente. Le quadre si attaccano con molta calma, studiandosi maggiormente vista la precarietà del vantaggio e la situazione di sostanziale parità. Ma con due triple dei padroni di casa, il vantaggio aumenta leggermente, portandosi sul più 6 alla fine del secondo periodo (33 -27).
Dopo il riposo lungo, il rientro in campo della Federiciana non è dei migliori. Questi sono i 10 minuti di gioco che consegnano la vittoria al Conversano. Una difesa non certo impeccabile degli altamurani, consente alla squadra di casa di ottenere un buon vantaggio quando mancano soli 10 minuti al termine della gara (50 – 36).
L’ultimo quarto vede una Federiciana più agguerrita che vuole tentare l’impresa di riprendere gli avversari. Ci prova con azioni in attacco molto brevi e una difesa più attenta. Ottiene un parziale di 9 – 17 che gli consente, per poco tempo, di essere sotto di soli 4 punti, ma il finale di gara vedrà i padroni di casa uscire vittoriosi e consolidare il secondo posto in classifica (59 – 53 il finale).
La miglior difesa del campionato non è stata all’altezza di questo riconoscimento. Troppi errori in attacco, troppe palle perse e qualche distrazione di troppo in difesa, hanno regalato la vittoria al Conversano. La prossima gara sarà ancora in trasferta per la Federiciana. Si tratta del recupero contro lo Sporting Bitonto. Anch’essa con la qualificazione già in tasca, certi del loro 5° posto.

Ottima vittoria per la Federiciana

Federiciana-Putignano
Il selfie vittoria dei giocatori altamurani

A qualificazione già ottenuta, la Federiciana affronta la Dinamo Putignano, squadra con molte novità nella sua rosa rispetto alla gara d’andata. Molti giocatori giovani e con ottime qualità che sicuramente raccoglieranno buoni frutti nelle prossime stagioni.
La formazione altamurana non vede in panchina il so Coach Lorusso (fuori per impegni personali), ma a gestire il tutto è Coach Casiello e lo fa nel migliore dei modi.
Gli altamurani entrano in campo con tanta voglia di vincere, ma con la tranquillità di un risultato stagionale già messo in cassa forte. La tranquillità si nota nelle azioni di gioco: molto ben organizzate in attacco e la solita difesa che concede il minimo agli avversari. Il primo quarto si chiude con un vantaggio ampio per l’Altamura: 21 – 6.
Nel secondo quarto, le squadre si affrontano con maggiore coraggio. Gli ospiti tentano di sorprendere la Federiciana con le ripartenze, ma la difesa altamurana tiene il ritmo della Dinamo. L’ingresso in campo dell’Under Lopedota, dà buone speranze al progetto della società altamurana. Con il 100 % dall’arco dei tre punti, la giovanissima guardia altamurana mette a segno 3 triple ed il secondo quarto si chiude sul 43- 18.
Coach Casiello, nell’intervallo, ci tiene e non far calare l’adrenalina dei suoi ragazzi. Vuole continuità in attacco ed attenzione in difesa. Anche l’ottima prestazione di Ciaccia D. aiuta, come al solito, l’ottima circolazione di palla che diverte anche il pubblico. Finisce il terzo quarto e la gara è ormai archiviata: 60 – 29.
Ultimi dieci minuti. In vista della gara contro il Conversano, i titolari della federiciana lasciano spazio a Pepe, che dimostra tutta la sua voglia di non far rimpiangere i suoi compagni. Anche per lui una bella prestazione con 4 punti, rimbalzi e recuperi difensivi. La gara si chiude sul 73 – 49. La Federiciana continua la sua splendida stagione e pensa già alle prossime gare che richiederanno un impegno notevole prima delle gare di poule promozione.

Federiciana, poule promozione raggiunta

Minozzi-Federiciana
Il selfie vittoria dei giocatori altamurani

Con ben tre giornate di anticipo, la Federiciana Pallacanestro Altamura, è riuscita a raggiungere il suo obiettivo stagionale: la Poule Promozione. Per il secondo anno consecutivo, la squadra, che può vantare una rosa formata esclusivamente da altamurani, avrà la possibilità di giocarsi i playoff per accedere alla Sedie D. Impresa non facile viste le caratteristiche delle future avversarie, ma esserci tra le migliori squadre pugliesi è un successo che riempie di soddisfazioni la dirigenza.
L’approccio alla gara della Federiciana contro il Minozzi Gioia è stato molto forte. I ragazzi, consapevoli che la vittoria avrebbe concesso il raggiungimento della poule promozione, sono entrati in campo con una determinazione che ha messo in difficoltà la squadra gioiese. L’ottima prestazione di Lauriero (24 punti a fine partita) ha praticamente travolto la difesa minozziana. Il primo quarto si chiude sul punteggio di 8 – 18 per Altamura.
Il secondo quarto, molto più avvincente, vede la squadra di casa alzare il ritmo. I ragazzi di Coach Lorusso però controllano il vantaggio acquisito nel primo periodo, anche se alla fine del secondo il Gioia è sotto solo di 5 punti (21 – 26).
Nel terzo quarto la Federiciana decide di chiudere la partita e lo fa tempestivamente. Grazie alle veloci ripartenze delle guardie e i preziosi rimbalzi dei pivot, gli altamurani vanno a segno con ben 21 punti contro i 9 del Gioia. Il terzo quarto si chiude sul 30 – 47.
Negli ultimi dieci minuti, come nel secondo quarto, il Minozzi prova ad accelerare. Riesce a ridurre lo svantaggio ma la Federiciana, pur consentendo qualche punto in più agli avversari, riesce a tenere un vantaggio che non crea preoccupazioni. La gara si chiude sul 46 – 60.
Le prossime tre gare sono tutte di altissimo livello per la Federiciana. Ma con la qualificazione raggiunta, il Coach si potrà permettere qualche esperimento in più per preparare al meglio la seconda fase.

Basket, il big match va alla Federiciana

Federiciana-Olimpia
Un’azione di gioco

La classifica, molto corta, non permette di fare pronostici. La gara disputata domenica 29 tra Federiciana Altamura e Olimpia Gioia è tra quelle sfide che rientrano nella categoria big match, e le aspettative non sono assolutamente disattese.
La Federiciana parte subito in attacco, facendo comprendere che la sconfitta maturata nella gara di andata non è piaciuta agli altamurani e la voglia di riscatto è tanta. L’Olimpia Gioia, orfana del suo play titolare, Stano, non riesce ad organizzare al meglio le proprie azioni d’attacco, complice anche una fase difensiva della Federiciana che limita le giocate di un altro giocatore di buon livello come Ventura, che Coach Lorusso affida all’under Picerno. La difesa dell’under è asfissiante e l’esperto giocatore del Gioia mette a referto soli 7 punti. Il primo periodo si chiude con la squadra di casa in vantaggio per 18 – 13.
Nella ripresa, anche a causa del ritmo altissimo tenuto nei primi 10 minuti, le squadre rallentano e provano a ponderare meglio le azioni d’attacco. L’Olimpia riesce ad andare a segno con 11 punti, contro i 9 della Federiciana, ma il secondo quarto vede ancora i ragazzi di Coach Lorusso in vantaggio, di soli tre punti (27 – 24).
Si va al riposo lungo. I coach delle due formazioni comprendono che chi commette un errore in meno, potrà aggiudicarsi la gara. In attacco si fa molta attenzione a non perdere possessi importanti, ma la difesa deve lavorare il doppio per non consentire tiri semplici. La miglior difesa del campionato, quella della Federiciana, non vuole concedere assolutamente nulla, infatti quando mancano 3 minuti alla fine del terzo periodo, la formazione gioiese non ha segnato neanche un punto. Mancano 10 minuti alla fine e la Federiciana è ancora in leggero vantaggio (34 – 30).
Tutto sarà deciso nell’ultimo quarto. Infatti saranno 10 minuti durissimi per i giocatori di entrambe le società. Si affrontano a viso aperto, il punteggio è bassissimo e bisogna segnare per vincere la gara. L’Olimpia accelera e la Federiciana non si fa trovare impreparata, anche se subisce il sorpasso per un brevissimo periodo. Gli altamurani, dopo aver gestito per tutta la partita, non ci stanno a perdere avanti ad un pubblico che ha assistito ad una partita spettacolare. Ciaccia D. torna in campo con 4 falli. Anche se molto limitato in difesa, dà il suo preziosissimo contributo in attacco, mettendo a segno punti fondamentali negli ultimi secondi di gara. Le speranze di ottenere la vittoria da parte dell’Olimpia si infrangono sul ferro del canestro sbagliato in contropiede da parte di Lella che recupera una palla fondamentale quando mancano 15 secondi alla fine e la Federiciana è sopra di soli 3 punti. Finale di partita 47 – 43.
Quindi il big match è vinto dalla Federiciana che aggancia in testa alla classifica la stessa Olimpia e la Virtus Bitonto, sconfitta dal Minozzi Gioia nell’anticipo di sabato.
Il campionato è ancora lungo. La Federiciana deve ancora affrontare delle sfide importanti, e non può rilassarsi dopo una vittoria, seppur fondamentale anche dal punto di vista mentale. Domenica prossima altro big match, a Bitonto contro l’altra capolista: Virtus.

Federiciana non bella ma vincente

Federiciana
Federiciana, la foto vittoria

La terza gara del Campionato di Promozione pugliese, girone B, vede la Federiciana ospite della Nike Terlizzi. Squadra che, vista la posizione in classifica, tenta una disperata lotta per un 5 posto. Impresa non facile. L’Altamura, sempre tra le prime tre squadre in classifica, cerca di non perdere punti rispetto all’Olimpia Gioia e Virtus Bitonto, entrambe prime in classifica a due punti dagli altamurani.
La gara inizia con i padroni di casa molto aggressivi. Il pressing non stupisce gli ospiti che inizialmente riescono a superare la difesa terlizzese. La fase difensiva però non riesce ad arginare le iniziative della squadra allenata da Coach Catalano. La Federiciana, anche se in vantaggio per tutto il primo quarto, si fa raggiungere sullo scadere da una tripla del Terlizzi (15 pari ).
Il secondo periodo mostra ancora una sostanziale parità tra le due squadre. Le sostituzioni della Federiciana danno il giusto contributo riuscendo a mantenere alto il ritmo della gara. Il secondo quarto si chiude con la Federiciana in vantaggio di un solo punto: 27 – 28.
Dopo la pausa, la gara riprende e la Federiciana, più determinata della Nike Terlizzi, esprime un gioco più concreto, riuscendo a portare a segno i propri giocatori con maggiore facilità, chiudendo la solita trama difensiva che fino a quel momento non era certo stata impeccabile. Quando mancano 10 minuti alla fine della gara, il punteggio è di 39 – 47.
Non è certo un vantaggio che può far pensare ad una vittoria già incassata, infatti il Terlizzi prova a sorprendere gli ospiti con accelerazioni continue che portano le due squadre a soli 4 punti di distanza. La Federiciana continua a giocare non preoccupandosi del punteggio, infatti la partita si chiude sul 52 – 58 per gli altamurani.
Questa sarà una settimana importante. La capolista, Olimpia Gioia, sarà ospite al Pala Piccinni domenica 29 gennaio alle ore 17.30. La presenza del pubblico sarà fondamentale per gli altamurani, che dovranno affrontare una sfida dall’altissimo livello di difficoltà.

La Federiciana batte anche il Putignano

Putignano-Federiciana
La foto vittoria

Il buon momento della Federiciana Pallacanestro Altamura non si ferma. Nella difficile trasferta di Putignano contro la Dinamo, i ragazzi altamurani non si lasciano sorprendere e portano a casa due punti preziosissimi per poter continuare a restare legata alle altre inseguitrici della Virtus Bitonto, capolista con due punti di vantaggio.
La gara si preannuncia difficile e dura. La Dinamo può vantare la presenza di giocatori con notevoli qualità individuali e con esperienze in campionati superiori, ma anche la Federiciana non è da meno. La partenza fa subito comprendere che sarà una gara “punto a punto”. Ad ogni canestro del Putignano la Federiciana risponde prontamente. Ma sul finale del primo quarto, una tripla degli ospiti porta il punteggio a proprio favore sul 14 – 19.
Il secondo periodo, ancora più accattivante, dimostra che contendersi il secondo posto in classifica non è solo un caso: la parità si nota nettamente sul campo. È il solito Gabrielli a trascinare la Dinamo, ma la buona difesa di Tamborra, limita le sue giocate e dà la possibilità alla Federiciana di non buttar via il vantaggio acquisito. Si va al riposo lungo con gli ospiti ancora in vantaggio: 27 – 33.
Neanche i dieci minuti di pausa riescono a smuovere le acque. Nonostante il pubblico abbia assistito ad una partita “maschia”, le due squadre non hanno mai reso la partita nervosa, se non dal punto di vista agonistico. Il terzo quarto si conclude con la Federiciana ancora in vantaggio sul 39 – 46.
Il prezioso vantaggio acquisito sul finale del primo quarto sarà importante fino alla fine del quarto periodo, quando la Dinamo, ormai stremata, non riesce più a tenere il ritmo degli altamurani che ottengono una bella vittoria in trasferta col punteggio di 52 – 65.
Domenica 18 dicembre, per l’ultima sfida del girone di andata, la Federiciana dovrà ospitare il Conversano in uno scontro diretto utile per il secondo posto in classifica. La gara sarà difficile e la Federiciana avrà bisogno dei suoi sostenitori per poterla affrontare al meglio.

La Libertas regala il derby al Castellaneta

castellaneta-libertas
Una fase della partita

Palatifo indigesto per la Libertas Altamura che per il terzo anno consecutivo non riesce ad uscire con i due punti dalla tana della Valentino basket. Festeggia Castellaneta che alla partita ci era arrivata senza Resta G. e Gaudiano e in pratica è scesa in campo con soli 6 uomini. Altamura, invece, non ha sfruttato proprio la panchina un po’ più lunga, infatti, coach De Bartolo concede pochissimi minuti a Fui e lascia seduto in panca Manicone. Durante il match la Libertas è andata a corrente alternata, ma quello che ha deluso è stata la fase difensiva che ha concesso diversi tiri facili agli avversari, nonostante con la difesa a zona del secondo quarto il team aveva trovato le giuste contromisure a Novovic e Nelson. Poi nella seconda frazione dopo un incessante punto a punto, è avvenuto l’episodio che ha cambiato la gara: un antisportivo a Barozzi, il quale aveva semplicemente recuperato un rimbalzo e a seguire era stato platealmente tenuto per le braccia da un avversario. Decisione che ha di fatto chiuso una gara maschia condotta da una coppia arbitrale non all’altezza. Onore e merito comunque agli avversari che sicuramente non meritano quella posizione di classifica.
Ora la classifica si fa sempre più corta con Francavilla che ha agganciato proprio i biancorossi, mentre Olimpica, Foggia e Manfredonia tallonano i murgiani, in ritardo di soli due punti. Bisogna riscattarsi giovedì contro Martina nell’ultima gara casalinga di andata.
Starting-five classico per la Libertas Altamura che parte con Perrucci, De Bartolo, Maietta, Radovic e Barozzi, dall’altra parte coach Compagnone fa scendere sul parquet Resta, Novovic, Nelson, Cassano e Rotundo. Partita subito in salita per i viaggianti che subiscono la maggior voglia di vittoria dei tarantini, che illuminati dal duo Nelson-Novovic, iniziano il match nel migliore dei modi. Sono Radovic e Barozzi, quest’ultimo chiamato a far a sportellate con il centro montenegrino, a tener viva la Libertas Altamura, ma due bombe di Resta, la secondo a fil di sirena, chiudono il quarto sul 24-14.
Durante il break coach De Bartolo risistema a zona i suoi in difesa, mossa che produce gli effetti sperati. Altamura, infatti, reagisce trascinata da Maietta. De Bartolo pesca dalla panchina per cercare di fornire la scossa ai suoi, e Vignola contribuisce con una tripla al parziale di 6-17 che permette alla Libertas di portarsi avanti nel punteggio. La partita si infiamma, Novovic vuole strafare e sbaglia una schiacciata lanciato in contropiede. La gara è maschia e la coppia arbitrale non ha sempre lo stesso metro di giudizio, ma anche questo è basket. Dopo diversi tentativi andati a vuoto, Barozzi si esibisce in uno dei suoi pezzi forti, una stoppata su Rotundo lanciato in contropiede. Nessuna delle due squadre riesce a scappare, Maietta, a cui viene concesso molto spazio, con 5 punti consecuviti, firma il 34-36. Sembra il risultato che avrebbe chiuso il primo tempo, ma Resta decide di mettere dentro da tre da casa sua ed è 37-36.
Al rientro sembra scesa in campo una sola squadra: la Libertas Altamura. Radovic e Maietta mandano in confusione la difesa avversaria e firmano il mini-break di 0-8, ma complice qualche fallo non fischiato in difesa alla Valentino, che i padroni di casa si riavvicinano con Novovic fino al 42-44. Altamura è tornata a concedere punti facili in attacco, ma con un sussulto d’orgoglio De Bartolo scarica la sua prima tripla, mentre ancora una volta Barozzi stoppa, questa volta Resta. L’inerzia sembra tutta dalla parte dei biancorossi baresi, ma un antisportivo fischiato a De Bartolo cambia le carte in tavola. Rotundo e Buono firmano il sorpasso e la partita da ora in avanti fila via sui binari dell’equilibrio. Alla fine del terzo quarto Castellaneta conserva il punticino di vantaggio (56-55).
La prima azione dell’ultima frazione è una tripla di Rotundo che si vede sputare dal ferro la tripla del +4, ma la traiettoria della palla fa si che questa finisca comunque nel canestro. Altamura prova a rispondere con Maietta, ma è ancora una volta la difesa a concedere molto. Nelson, fin li tenuto bene dalla difesa altamurana, deposita più di una volta sfruttando la sua atleticità. La Libertas si trova a rincorrere e a dover ricucire 5 punti di svantaggio. Allora la premiata ditta PerrucciMaietta, entrambi da tre, firmano il controsorpasso. Ma a 3’03” accade il fattaccio: Barozzi recupera un prezioso rimbalzo in attacco, ma viene praticamente bloccato ad un braccio da un suo avversario. La sua reazione è quella di restare fermo come una statua per mostrare all’arbitro il fallo subito. Proprio il primo arbitro fischia, e dopo qualche secondo di incertezza incrocia le mani ad indicare l’antisportivo a Barozzi, che resta incredulo. Decisione assurda che di fatto chiude il match. Altamura prova a restare attaccata alla gara con il fallo sistematico, ma la giornata non felice da oltre l’arco produce un divario di 10 punti eccessivo. Alla fine il tabellone recita Castellaneta 82 Altamura 72.

VALENTINO BASKET – LIBERTAS ALTAMURA 82-72
Parziali: 24-14; 37-36; 57-56; 82-72.

VALENTINO BASKET: Rotundo 10, Wright-Nelson 26, Cassano 4, Resta D. 15, Novovic 18, Buono 9, Carucci, Patella, Scarati ne, D’Onofrio ne. Coach Compagnone.
LIBERTAS ALTAMURA: De Bartolo 6, Radovic 13, Perrucci 8, Maietta 25, Barozzi 15, Fui, Vignola 5, Colonna ne, Manicone ne, Castellano ne. Coach De Bartolo.
ARBITRI: Marseglia (BR) e Di Vittorio (BA).
Usciti per falli: nessuno. Antisportivo a De Bartolo (ALT), Barozzi (ALT).

La federiciana vince ancora

federiciana-minozzi
La palla a due

Nella settima gara del Campionato di Promozione, il Minozzi Gioia, allenato dal Coach Di Bari, esce sconfitto dal Pala Piccinni. La Federiciana, che rincorre la Virtus Bitonto capolista, non vuole lasciare punti per strada, a maggior ragione avanti al proprio pubblico.
I primi minuti del match mostrano gli ospiti ben determinati. La Federiciana subisce la concentrazione del Gioia e fa fatica ad entrare in partita. Ma la gara si scalda già dai primi minuti. L’ex di turno, Tosti, dopo quattro anni ad Altamura, è passato al Gioia proprio in questa stagione, e scalda la partita con una bella tripla alla quale risponde Ciaccia D. che interrompe l’onda positiva degli ospiti facendo concludere il primo quarto sul 16 – 11.
Secondo quarto più accattivante. Le due squadre si sfidano a viso aperto e senza timori, ma è la Federiciana ad avere la meglio, grazie ai rimbalzi e alle azioni d’attacco ben costruite. Ma nonostante il tentativo di accelerare da parte della squadra di casa, il Gioia resta a soli 7 punti di svantaggio e sul 34 – 26 i ragazzi di Coach Lorusso non possono certo stare tranquilli.
Infatti, al rientro, il Gioia si fa prepotentemente sotto. Nonostante due triple consecutive dell’Altamura, il Minozzi arriva ad un meno 5 che provoca preoccupazione alla Federiciana. Il terzo periodo si chiuderà con gli altamurani in vantaggio di 7 punti sul 47 – 40.
Come detto in precedenza, la Federiciana non ci pensa minimamente a perdere questa sfida importante, quindi pancia a terra e si inizia a giocare con la massima intensità difensiva che produce i suoi buoni frutti regalando una bella vittoria. Il risultato finale è di 70 – 48.
Incassati i due punti utili per la classifica, l’Altamura deve subito pensare alle prossime due sfide di altissima difficoltà: la prossima a Putignano contro la Dinamo e successivamente sarà il Conversano ad essere ospite della Federiciana. La classifica è cortissima, ed un passo falso potrebbe far scivolare al limite della zona playoff la Federiciana.

Seconda sconfitta consecutiva per la Libertas

monopoli-libertas
La palla a due (ph. Filippo Danese)

Dopo la battuta d’arresto della Libertas Altamura contro Ceglie, arriva la seconda sconfitta consecutiva per la Libertas, che, questa volta, cede il passo all’Action Now! in quel di Monopoli. Partita combattuta per tutti i 40′, con le due squadre ad alternarsi sul gommato, ma solo allo scadere, dopo un interminabile botta e risposta, gli altamurani si devono piegare agli avversari. Altamura arriva al match con De Bartolo e Radovic non al meglio, mentre coach Centrone deve centellinare Liaci, anche lui con qualche problemino. Primo quarto Altamura ha provato a lanciarsi, ma un Action Now! attentissimo ha frenato le voglie di gloria avversari. Dopo il 17-22 del primo quarto, la squadra protagonista è cambiata, questa volta Monopoli sospinta dal proprio pubblico, ha cancellato il gap di 9 punti, costruito dai murgiani grazie ad un ottimo Vignola. Gibbs si è caricato la squadra sulle spalle e con 11 punti nel quarto ha praticamente cambiato le carte in tavola mandano la sua squadra al riposo lungo sul punteggio 34-34.
Coach Centrone ha provato, nella seconda parte di gara, a sfruttare il suo punto di forza: una panchina più lunga, ma i punti dalla panchina sono solo 8, mentre è sempre l’asse americana Gibbs ed Hamilton a produrre canestri. Altamura è stata brava a non scomporsi e a rispondere a tono con Barozzi, Perrucci e Radovic, il quale ha chiuso allo scadere il quarto con un canestro che è valso il 52-51.
Negli ultimi 10′, la gara è fatta di sorpassi e controsorpassi emozionantissimi, che hanno tenuto gli spettatori incollati al seggiolino. Gibbs è il solito cecchino, ma questa volta è aiutato da Annese che scaricando da tre ha trovato l’ennesimo vantaggio. Altamura, allora, a 6’43” da giocare, si è portata sul +4 con Barozzi e i primi punti da tre di De Bartolo. Quando la gara sembrava indirizzata, una pioggia di triple è caduta al Melvin Jones. Gibbs ha incendiato il palazzetto con due bombe, ma Barozzi ha risposto con la stessa moneta. La partita è aperta più che mai, ma con gli altamurani che sembravano poter mantenere un piccolo margine di vantaggio, fin quando Stomeo si è inventato un tripla che ha di fatto spezzato le gambe agli avversari, che nell’azione successiva hanno perso palla e subito il canestro in lay up di Gibbs. Negli ultimissimi secondi Perrucci non ha saputo scaricare da tre e il Monopoli si è portata a casa l’intera posta in palio.

ACTION NOW! MONOPOLI 70 – LIBERTAS ALTAMURA 68
PARZIALI: 17-22, 17-12, 18-17, 18-17

ACTION NOW! MONOPOLI: Gibbs 30, Gentile, Annese 7, Calabretto 10, Hamilton 16, Stomeo 3, Liaci, Giovinazzi 2, Mitrotti 3, Barnaba ne, All. Centrone.
LIBERTAS ALTAMURA: Barozzi 16, Maietta 18, Fui 2, Perrucci 12, Radovic 6, Vignola 11, De Bartolo 3, Manicone ne, Castellano S., Castellano R., All. De Bartolo V., Ass. Gelao.