Ultime notizie

Di Rito:”Bella accoglienza dei tifosi, conosco molto bene gli schemi di Mr.Longo”

Il bomber argentino rilascia la sua prima intervista

Nicolas Di Rito

Nicolas Di Rito insieme al presidente Di Lena

E’ il bomber indiscusso dei campionati dilettantistici pugliesi. Stiamo parlando di Nicolas Di Rito. Il bomber di Rosario è l’ariete che dovrà finalizzare le manovre offensive di Mister Longo, che conosce benissimo avendo vinto con lui già un campionato di Eccellenza a Nardò diverse stagioni fa. “La sentenza Di Rito” cosi come è stato ribattezzato vista la sua incredibile capacità di realizzare periodicamente ogni stagione valanghe di gol e far infiammare le platee e le tifoserie delle piazze in cui ha militato ha rilasciato la sua prima intervista in biancorosso ai microfoni dell’ufficio stampa della società.
Nicolas cosa ti ha spinto ad accettare la proposta dell’Altamura e a firmare per la società biancorossa?

“Sinceramente non conoscevo nessuno essendo la società nuova, ma quando ho visto che ha firmato Mister Longo ho incominciato a capire che si trattava di qualcosa di serio, essendo un allenatore molto preparato e che non va in una società se non è una cosa seria, io ero in Argentina ed ero in contatto con diversi amici come Moscelli, Logrieco e mi avevano detto che anche loro erano in contatto con la società e ho capito che le intenzioni erano serie, poi quando ho incontrato la società ho capito subito che erano ambiziosi e il progetto è a lungo termine e non vogliono fare un calcio banale, abbiamo avuto subito molta affinità mi hanno fatto sentire subito bene, si sono messi a disposizione per me e per la mia famiglia, poi Altamura è una piazza importante nonostante non lottano per vincere da diversi anni, poi è una città molto grande e affascinante”.

Sei stato acclamato e accolto dai tifosi altamurani in piazza subito dopo la firma, che effetto ti ha fatto questa accoglienza?

“Veramente non me l’aspettavo questa accoglienza, è stato un momento molto bello, la verità è che stavo prendendo un caffè con il presidente, la presidentessa e gli altri dirigenti e abbiamo visto tutta questa gente che veniva verso di me a salutarmi e veramente mi ha impressionato, spero di dare tutto per loro ogni domenica in campo e lottare fino all’ultima giornata per il campionato”.

Sei reduce dal “triplete” con la Virtus Francavilla nella passata stagione e hai vinto già diverse volte questo campionato, cosa ti aspetti dal torneo di questa stagione?

“Secondo me questo sarà il più difficile degli ultimi tre – quattro anni perché vedendo i nomi delle squadre che si stanno allestendo ci saranno Molfetta, Gravina, Casarano, il Bitonto sta facendo una buona squadra, il Vieste ha sempre la solita squadra che è molto rognosa, sarà un torneo molto impegnativo e non sarà una lotta fra due squadre come sono stati gli ultimi campionati”.

Ritroverai tanti compagni di esperienze passate e rifarai coppia con Fabio Moscelli in avanti, quanto può influire ciò?

“Secondo me una squadra composta da parecchi giocatori che si conoscono è un vantaggio molto grande, dopo è normale che dobbiamo lavorare con il Mister, io conosco molto bene la sua idea di gioco, ma gli altri non sono mai stati con lui, però è ovvio che conoscendoci bene sarà un vantaggio e sarà più semplice. Per quanto riguarda Fabio ci conosciamo molto bene abbiamo giocato insieme per tre anni e abbiamo vinto insieme due campionati e i numeri avvolte parlano da soli”.

Infine, quali sono gli obiettivi che ti sei prefissato per questo campionato?

“Io ogni anno non mi fisso mai un obiettivo a lungo termine, ma penso solo a fare bene passo dopo passo, ora dobbiamo prepararci bene nel ritiro, arrivare bene per la prima partita di coppa e pensare partita dopo partita, ci sono tre strade che si possono prendere: il campionato, la coppa e i play off. Dobbiamo essere preparati il più possibile per essere in grado di prendere una di queste strade”.

Comments

comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: