Ultime notizie

Fortis Altamura, con il Bitritto in cerca di riscatto

La squadra altamurana deve dimenticare due sconfitte consecutive

GiuseppeCappiello

Giuseppe Cappiello, ph. Vincenzo Tota

Sembra essersi svegliata da un bel sogno la Fortis Altamura che, dopo un inizio positivo di stagione, è incappata in due sconfitte consecutive. A parte il risultato in se, quello che ha allarmato di più è una difesa che, di colpo, sembra essere diventata un colabrodo. Alle cinque reti rimediate contro il Cerignola, che comunque sembra fare un campionato a parte, si sono aggiunte le quattro incassate dal Real Noci in Coppa. Anche in questo caso, tante le attenuanti perché la squadra altamurana nei minuti finali, quando il risultato era ancora in bilico, si è sbilanciata in avanti alla ricerca di una qualificazione che non è arrivata.
L’occasione per dimenticare in fretta questi due passi falsi, fortunatamente, si presenta già domenica quando i falchetti altamurani ospiteranno il Bitritto. Mancheranno i due squalificati, Tancredi e Castoro, mentre tutti gli altri saranno a disposizione di mister Moramarco, costretto ancora in tribuna per squalifica. Ci sarà anche Giuseppe Cappiello, autore di un buon inizio di stagione condito da due gol. Il talentuoso esterno santermano è rientrato da un lungo infortunio e i nostri microfoni lo hanno raggiunto per ascoltare le sue sensazioni: “Il ritorno in campo è stato un segno di liberazione perché, detto sinceramente, non ne potevo più. È la seconda volta che subisco lo stesso intervento e avevo un gran voglia di tornare in campo e calpestare l’erba. Poi tornare al gol è stata la cosa più bella, è la gioia più grande per un calciatore, soprattutto dopo un lungo infortunio. Spero di continuare a far bene e giocare i play off. La squadra la vedo abbastanza forte e unita. Sperando per il prossimo anno di fare il salto di qualità e giocare un calcio diverso”. Ovviamente, un riferimento alla voglia di riscatto, alla partita di domenica e a quella di Coppa: “Dobbiamo riscattarci per forza perché la sconfitta di domenica scorsa e quella di giovedì sono davvero pesanti per i troppi gol subiti, nove in due partite, quindi domenica bisogna per forza vincere per tornare alla tranquillità e serenità che c’era la scorsa settimana prima della partita col Cerignola. Giovedì, invece, è stato veramente un peccato non passare il turno perché nel nostro momento migliore, in vantaggio per 2 a 1 e in superiorità numerica, siamo stati sfortunati a subire il gol del pareggio che ci ha buttati tutti giù di morale e abbiamo subito altri due gol”.
Insomma, dalla Fortis Altamura ci si aspetta una prestazione migliore rispetto alla ultime due uscite, anche se avrà di fronte un Bitritto che, dopo due pareggi consecutivi, vorrà dire la sua, oltretutto senza la partita di Coppa nelle gambe. A presentarci la partita dalla sponda bianco-verde è il presidente della società Vito Viesti che ha gentilmente accettato di rilasciarci alcune battute in vista della partita: “Non penso che partiamo avvantaggiati perché, se la Fortis ha giocato in Coppa noi abbiamo disputato un’amichevole con il Castellaneta, squadra che milita in eccellenza. La Fortis Altamura è una bella squadra e come società ha sposato un progetto, quello di puntare sui giovani, che condivido a pieno. Anche noi stiamo puntando molto sui giovani, abbiamo una squadra dall’età media molto bassa perché crediamo che nel calcio di oggi solo questo tipo di progetti sono percorribili”. Anche per lui un riferimento al match di domenica: “Per la partita di domenica abbiamo tutto per fare bene. Veniamo da due partire giocate molto bene anche se abbiamo raccolto molto meno di quanto meritavamo. Ci aspetta comunque una battaglia sportiva contro una Fortis che vorrà riscattarsi dalle due sconfitte consecutive”.
Le premesse per assistere ad una bella partita, fra due squadre molto giovani, ci sono tutte. L’appuntamento è per domenica alle ore 15,30 presso il “Comunale” di Toritto, ancora casa provvisoria della Fortis Altamura. Arbitrerà l’incontro Gianluca Natilla della sezione di Molfetta, coadiuvato da Michele Fracchiolla e Davide Tursi della sezione di Bari.

The following two tabs change content below.
Domenico Olivieri

Domenico Olivieri

Erano gli anni dei "Figli dei Fiori" quando, esattamente nel 1977, nasceva Domenico Olivieri. Fin dai primi vagiti si mostrava un bambino turbolento così come lo erano quegli anni. Poi, durante l'adolescenza, inizia ad interessarsi allo sport pur non praticandone nessuno con profitto, divorando trasmissioni e quotidiani sportivi praticamente ogni giorno. Dopo la maturità, conseguita nel 1996 presso l'Istituto Tecnico Commerciale "F. M. Genco", inizia ad appassionarsi a tutto quello che riguarda la tecnologia. Poi, nel 2006, finalmente, decide di lanciarsi in prima persona nel mondo dello sport diventando addetto stampa di una squadra di calcio a 5, l'ormai defunta Avanti Delfini Altamura. Dopo due anni passa, sempre con lo stesso ruolo, tra le fila della Pellegrino Sport, altra squadra altamurana. Dal 2009 al 2011, invece, è l'addetto stampa della Tris Gravina, squadra militante nel campionato di serie C1 di calcio a 5. Grazie a questa esperienza inizia la sua collaborazione con un portale di calcio a 5, diventando parte integrante dello staff. Poi le collaborazioni con Altamuralife.it, pugliacalcio24.it e calciowebdilettanti.it. e, infine, dal 2012, insieme all'amico fraterno Leonardo Loporcaro, fonda il sito www.altamurasport.it, unico portale cittadino ad occuparsi di tutto lo sport. Le sue grandi passioni, oltre allo sport e alla tecnologia, sono i libri, il cinema e i viaggi, passione, quest'ultima, che lo ha portato in giro per il mondo. Nella vita di tutti giorni, inoltre, lavora come impiegato presso una società che opera nel comparto del mobile imbottito, è felicemente sposato e papà di una bambina.

Comments

comments

Domenico Olivieri
CircaDomenico Olivieri (214 Articles)
Erano gli anni dei "Figli dei Fiori" quando, esattamente nel 1977, nasceva Domenico Olivieri. Fin dai primi vagiti si mostrava un bambino turbolento così come lo erano quegli anni. Poi, durante l'adolescenza, inizia ad interessarsi allo sport pur non praticandone nessuno con profitto, divorando trasmissioni e quotidiani sportivi praticamente ogni giorno. Dopo la maturità, conseguita nel 1996 presso l'Istituto Tecnico Commerciale "F. M. Genco", inizia ad appassionarsi a tutto quello che riguarda la tecnologia. Poi, nel 2006, finalmente, decide di lanciarsi in prima persona nel mondo dello sport diventando addetto stampa di una squadra di calcio a 5, l'ormai defunta Avanti Delfini Altamura. Dopo due anni passa, sempre con lo stesso ruolo, tra le fila della Pellegrino Sport, altra squadra altamurana. Dal 2009 al 2011, invece, è l'addetto stampa della Tris Gravina, squadra militante nel campionato di serie C1 di calcio a 5. Grazie a questa esperienza inizia la sua collaborazione con un portale di calcio a 5, diventando parte integrante dello staff. Poi le collaborazioni con Altamuralife.it, pugliacalcio24.it e calciowebdilettanti.it. e, infine, dal 2012, insieme all'amico fraterno Leonardo Loporcaro, fonda il sito www.altamurasport.it, unico portale cittadino ad occuparsi di tutto lo sport. Le sue grandi passioni, oltre allo sport e alla tecnologia, sono i libri, il cinema e i viaggi, passione, quest'ultima, che lo ha portato in giro per il mondo. Nella vita di tutti giorni, inoltre, lavora come impiegato presso una società che opera nel comparto del mobile imbottito, è felicemente sposato e papà di una bambina.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: