Archivi tag: Ultrattivi

Ultrattivi, bilancio annuale ed importanti decisioni per il futuro

UltrattiviElite
I dirigenti altamurani premiati dagli esponenti federali

Si avvia a conclusione la stagione sportiva 2015/2016 che ha visto gli Ultrattivi partecipare per il secondo anno consecutivo al campionato regionale di Prima Categoria (girone A) ed a tutte le categorie riguardanti il Settore Giovanile e Scolastico della FIGC con una novità, l’ammissione per meriti sportivi al campionato Regionale Giovanissimi. Il bilancio finale, delineato nell’ultima riunione del Direttivo, è sicuramente positivo.
Per quanto attiene la Prima Squadra, nonostante le mille difficoltà incontrate durante il percorso, si è chiusa la stagione con un ottimo quinto posto ed i play off sfiorati. Il gruppo guidato dal mister Gianluigi Colonna e dal preparatore Francesco Carlucci ha ottenuto 26 punti fra le mura amiche del “Cagnazzi” e 12 punti in trasferta, chiudendo la regular season con 36 gol fatti ed altrettanti subiti. Il girone A è stato vinto dalla corazzata Omnia Bitonto, una squadra che poco aveva a che fare con questa categoria, mentre il Corato si è aggiudicato la finale play-off giocata contro lo Spinazzola.
Per il quinto anno consecutivo il duo Colonna-Carlucci ha condotto la squadra verso risultati soddisfacenti, giocando anche un bel calcio e mantenendo la filosofia sportiva ed organizzativa che dal 2010 ha contraddistinto Ultrattivi. Grandi meriti vanno, quindi, attribuiti ai due tecnici che hanno ancora una volta dimostrato il loro valore e la loro capacità di affrontare ogni tipo di problematica logistica, organizzativa e tecnica. Un ringraziamento particolare va anche a tutti i tesserati che, con impegno e dedizione, hanno vestito la casacca biancorossa in questa annata e, soprattutto, ai tesserati ed ai dirigenti che in queste sei stagioni hanno contribuito alla crescita esponenziale del progetto.
Passando al Settore Giovanile, Ultrattivi è stata l’unica società del territorio ad ottenere per il secondo anno consecutivo la qualifica federale di “Scuola Calcio d’Élite” riservata a sole 20 società pugliesi. Un premio al lavoro, alla organizzazione ed alle professionalità presenti nel progetto giovanile denominato “Campus Cresci Bene”. Come detto, gli oltre 140 iscritti hanno preso parte a tutte le attività previste dalla FIGC ed inoltre, per la prima volta, il gruppo dei nati nel 2001-2002 ha preso parte al campionato Regionale Giovanissimi con buoni risultati. Grazie alla partnership con la FC Bari 1908 durante la stagione si sono tenuti diversi incontri formativi presso lo Stadio San Nicola nonché diverse occasioni di confronto e supervisione dell’attività tecnica. È inoltre in corso il Summer Camp presso Casa Ultrattivi (campetti Martimucci, ultima traversa a sinistra di via Manzoni) con la consueta numerosa partecipazioni di bambini e bambine dai 5 ai 14 anni.
Nella prossima stagione numerose saranno le novità, a partire dalla Prima Squadra. Nell’ultima riunione il Direttivo, dopo una attenta analisi organizzativa e finanziaria, ha deciso di sospendere il percorso della “squadra senior”, a tutt’oggi composta da giovani over 18 provenienti da diverse società locali e dai comuni limitrofi, ponendosi un termine triennale dopo il quale sarà avviata una valutazione in merito alla ricostruzione della stessa con tutti i tesserati provenienti direttamente dal settore giovanile Ultrattivi. Nella stagione 2016/2017, quindi, Ultrattivi non si iscriverà al campionato di Prima Categoria ed, è bene ribadirlo, non cederà a nessuno il titolo sportivo acquisito.
Una riorganizzazione è prevista anche per il Settore Giovanile. Ultrattivi ha infatti avviato un processo di professionalizzazione delle attività, inserendo nello staff giovani qualificati ed in possesso di riconoscimenti federali. Al team di istruttori già rodato guidato dal Responsabile Tecnico della Scuola Calcio Gianluigi Colonna andranno ad aggiungersi un tecnico federale per la categoria Giovanissimi Regionali, un preparatore dei portieri per tutte le categorie, una nutrizionista oltre a tutta una serie di accordi esterni che permetteranno l’utilizzo settimanale di strutture ed attrezzature sportive a supporto. Sempre da settembre l’attività di base (piccoli amici, pulcini ed esordienti) avrà come punto di riferimento i campetti Martimucci che, in virtù di tale accordo, diventano una vera e propria Casa Ultrattivi. Si punterà, inoltre, anche all’ammissione al campionato Regionale Allievi così da offrire ai nostri tesserati una ulteriore occasione di crescita ed una vetrina prestigiosa. Staff, progetto tecnico ed ogni novità saranno presentati successivamente con un apposito comunicato e con un evento pubblico.
Comunichiamo, infine, che i giorni lunedì 11 e martedì 12 luglio si terrà uno Stage riservato alla categoria Allievi (nati 2000-2001-2002) finalizzato ad integrare la rosa partecipante al relativo campionato regionale. Nei prossimi giorni sarà diffusa una locandina contenente ogni dettaglio in merito.

Calcio, ancora tanti interrogativi per le altamurane

CalcioSarà un’estate piena di interrogativi quella che attende il calcio altamurano. Sfumato il sogno, per il Team Altamura, di approdare in serie D, campionato abbastanza anonimo per Fortis Altamura e Ultrattivi.
Ma se per queste due ultime compagini, di tempo per programmare la prossima stagione ce n’è ancora abbastanza, la scadenza più imminente e probabilmente l’unica, è quella riguardante l’iscrizione, non è così per la società guidata da Vincenzo Di Palo che, subito dopo l’eliminazione dai playoff nazionali di Eccellenza per mano del Real Metapontino, si era affrettato a rassicurare i tifosi che avrebbe presentato domanda di ripescaggio. Dopo l’entusiasmo iniziale e, probabilmente dopo essersi fatto due conti, il vulcanico patron altamurano non si è più sbilanciato. D’altronde per presentare domanda di ripescaggio in “quarta serie“, servono circa 150 mila euro ai quali bisogna aggiungere altri 50 mila per l’iscrizione al campionato di Eccellenza, necessaria nel caso la domanda di ripescaggio non vada a buon fine. Lo sappiamo tutti che, in tempi di ristrettezze economiche, reperire tutti quei quattrini è impresa alquanto difficile, se a questo si aggiunge la “grana” stadio, il quale per essere idoneo necessita di alcuni lavori di ristrutturazione, ecco spiegato il mezzo passo indietro dei dirigenti biancorossi. Inoltre, per quanto riguarda la situazione stadio, anche in questo caso il primo cittadino altamurano, Giacinto Forte, dopo aver seguito le ultime partite tra gli ultras ai quali aveva promesso tutto il suo sostegno alla causa “Team”, non si è fatto più sentite, impegnato com’è a risolvere i problemi interni alla sua maggioranza, già divisa dopo poco più di un anno dal suo insediamento. Insomma, tante parole, pochi fatti con i tifosi sul piede di guerra, dopo tante promesse disattese.
Intanto domenica prossima, in piazza Duomo, alle ore 20,30, incontro pubblico organizzato dal Team Altamura per tutti coloro che hanno contribuito alla stagione appena conclusa. Vedremo se in quell’occasione si saprà qualcosa in più sul futuro.
Detto del Team Altamura, poco o niente si sa di Fortis Altamura e Ultrattivi. Per quel che riguarda la società presieduta da Beppe Piccininni, si dovrebbe andare avanti anche per la prossima stagione, con uno spiraglio aperto ad eventuali fusioni. Questo il post pubblicato sul profilo della società: “Riparte un’altra stagione. L’obiettivo della Fortis Altamura continua ad essere quello di creare una aggregazione con più imprenditori possibili, con gli appassionati e con le altre realtà sportive. Ed in questo senso la Fortis non si stanca mai di lavorare. Le porte sono sempre aperte a chiunque. Siamo convinti che l’Unione fa la forza. Bisogna prendere spunto dalla realtà che si è generata a Gravina. Non bisogna dipendere da un solo benefattore ma da diversi. È come una azienda che ha un solo cliente…se gli viene a mancare, entra in crisi…se invece i clienti sono tanti, se ne viene a mancare uno… si continua ad andare avanti”. Anche in questo caso staremo a vedere.
Non si sa niente, se non che Gianluigi Colonna non sarà più l’allenatore della prima squadra, degli Ultrattivi che, tranne catastrofi, dovrebbero partecipare, per il secondo anno, al campionato di Prima Categoria. Vista la storia della giovane e dinamica società presieduta da Giacinto Fiore, non più di due anni nella stessa categoria, ci si attende una squadra ben attrezzata.

Ultrattivi, a giugno L’Arsenal Day 2016

ArsenalDay1Dopo la grande esperienza del 2015, l’associazione sportiva dilettantistica Ultrattivi ha deciso, anche per quest’anno, di rinnovare l’appuntamento con l’Arsenal Day. Sabato 11 giugno alle ore 9,00, presso il centro sportivo Martimucci, ci sarà l’edizione 2016 dell’evento che metterà a confronto i calciatori in erba con l’Arsenal Soccer Schools, una delle società londinesi più prestigiose. A seguire i ragazzi che decideranno di partecipare allo stage, ci sarà il direttore tecnico della società altamurana, Gianluigi Colonna che, abbandonati i panni di allenatore della prima squadra, cinque le stagioni passate sulla panchina tra 3^ e 1^ categoria, potrà dedicarsi interamente ai più giovani, con lo scopo di far crescere il progetto della scuola calcio che, in pochi anni, ha già raggiunto ottimi risultati, l’ultimo dei quali il riconoscimento come “Scuola calcio d’élite”. I risultati del lavoro compiuto dai tecnici e dirigenti Ultrattivi, inoltre, ha portato anche alcuni membri delle squadre che hanno partecipato ai vari campionati di categoria a confrontarsi con società del panorama professionistico. Ieri, infatti, tre giocati altamurani si sono recati a Trani per un provino con la Fidelis Andria, società militante in Lega Pro.
Inoltre, con l’avvicinarsi della stagione estiva e delle vacanze scolastiche, la giovane e dinamica società altamurana, anche per quest’anno, organizzerà il “Campus Cresci Bene” che si terrà tra il 13 e il 29 giunto sempre presso il centro sportivo Martimucci.
Per maggiori informazioni relative a tutte queste iniziative, basta farsi un giro sulla pagina ufficiale degli Ultrattivi, raggiungibile a questo indirizzo: https://www.facebook.com/ultrattivi/

Ultrattivi è Scuola Calcio d’élite

UltrattiviElite
I dirigenti altamurani premiati dagli esponenti federali

Mercoledì 27 aprile presso la sala meeting del Comitato Pugliese della FIGC, l’ASD ULTRATTIVI di Altamura è stata insignita della massima qualifica federale riservata ai settori giovanili, ricevendo ufficialmente il riconoscimento di Scuola Calcio d’élite.
La cerimonia di premiazione riservata a sole ventuno società pugliesi ha visto la partecipazione del Presidente Nazionale FIGC-SGS Vito Tisci e del Segretario Nazionale Vito Di Gioia, il Tecnico delle Rappresentative Federali Vincenzo Tavarilli oltre ai padroni di casa Antonello Quarto, Coordinatore Federale FIGC-SGS, ed il suo staff.
Il riconoscimento di Scuola Calcio d’élite è stato assegnato dopo una attenta analisi delle attività svolte dalle associazioni sportive sul territorio nel pieno rispetto dei programmi della FIGC che prevedono anzitutto la presenza di un numero minimo di istruttori qualificati e poi tutta una serie di accordi con istituti scolastici ed incontri formativi obbligatori destinati a tecnici, famiglie e giovani atleti. Ultrattivi ottiene tale riconoscimento per il secondo anno consecutivo (in passato veniva definito “Scuola Calcio Qualificata” con requisiti differenti) risultando essere l’unica realtà premiata in città e nel circondario.
Alla cerimonia per la associazione altamurana, in rappresentanza di tutta la grande famiglia, erano presenti il presidente Giacinto Fiore ed il direttore generale Giuseppe Clemente. «Questo riconoscimento è frutto del lavoro e dell’impegno di tutta la dirigenza e dello staff tecnico – dichiara il presidente Fiore – che in pochi anni hanno portato Ultrattivi ad essere riconosciuta fra le migliori società sportive pugliesi in ambito giovanile e ad essere l’unica Scuola Calcio d’élite del territorio. Questo non è assolutamente un punto di arrivo ma, anzi, ritengo sia uno stimolo in più per migliorarci nel prossimo futuro!». Queste, invece, le parole del dg Clemente: «Siamo orgogliosi di poterci fregiare di questo importante riconoscimento per il quale abbiamo lavorato molto sacrificando tempo e risorse. Quattro anni fa, quando decidemmo di avviare un progetto giovanile parallelo alla prima squadra, nessuno avrebbe scommesso su di una crescita così veloce e costante del nostro Campus Cresci Bene. I meriti sono da dividere con ogni nostro collaboratore e, per mantenere alta la qualità del nostro lavoro, dobbiamo continuare ad impegnarci al massimo delle nostre possibilità!» 

Ultrattivi, una domenica nel segno del quattro

Domenica nel segno del quattro per gli Ultrattivi. Ai quattro gol messi rifilati nella mattina dai Giovanissimi all’Audace Molfetta nella nel campionato regionale di Categoria, hanno fatto seguito, nel pomeriggio, altri quattro sigilli di Rizzi, capitan Dilerma, Francia
e Calia, con i quali la prima squadra, impegnata nel campionato di 1^ Categoria, si è sbarazzata del Barium. Due importanti vittorie senza gol subiti che, soprattutto per quanto riguarda i Giovanissimi, hanno notevole importanza ai fini della classifica. Per quanto riguarda la prima squadra, invece, dopo la bella prestazione, aumenta il rimpianto per le occasioni perse in passato. Parola di mister Colonna. Ecco le dichiarazioni del tecnico altamurano raccolte da Lorenzo Giordano.

Campo “Cagnazzi”: una risorsa o un problema?

Chiodi
Chiodi ritrovati sul terreno di gioco del “Cagnazzi”

Tutti coloro che hanno tirato a calci un pallone, o meglio gran parte di loro, da buoni altamurani, hanno calcato almeno una volta il terreno di gioco del campo sportivo “Cagnazzi”, palestra di tanti aspiranti campioni. Negli anni, però quella che un tempo era chiamata la “fossa dei leoni” è stata abbandonata a sé stessa, tant’è che un palo di anni fa furono necessari dei lavori per rendere gli spogliatoi, diventati quasi delle latrine, sicuri e accoglienti. Problema risolto? Macché! Se adesso gli spogliatoi non sono più un problema lo è diventato il terreno di gioco che un tempo era da tutti considerato uno dei migliori in terra battuta. È notizia di qualche giorno fa, infatti, che un giovane tesserato degli Ultrattivi si è ritrovato un chiodo conficcato nello scarpino da gioco. A denunciarlo è stata la stessa società altamurana tramite un breve comunicato diramato tramite facebook: “Adesso BASTA! Anche oggi al “CAGNAZZI” un nostro tesserato 14enne ha rischiato grosso nel mentre dava sfogo alla sua più grande passione: il gioco del calcio! Un bel CHIODO gli ha trafitto lo scarpino, per fortuna sfiorando il piede e senza causare danni. Non è la prima volta che accade: abbiamo già segnalato tante volte in passato la condizione pietosa del rettangolo di gioco, ormai quasi del tutto privo di sabbia e di qualsiasi manutenzione. Avevamo chiesto di riportare il campo di gioco ad un livello di sabbiatura accettabile, magari ripulendolo da oggetti potenzialmente pericolosi lasciati lì da barbari che, negli anni, hanno organizzato fiere ed eventi. Risultati? Nessuno.

Ferita
La ferita diportata da un giocatore, necessari alcuni punti di sutura

Per l’ennesima volta, dopo i PUNTI di SUTURA al ginocchio di uno dei nostri portieri, ci ritroviamo nella stessa situazione. Cosa stiamo aspettando? Abbiamo fiducia nelle promesse fatte dalla attuale classe dirigente altamurana ma, perdonateci, è il momento di passare dalle parole ai fatti!”.
Un episodio non nuovo, quindi, per chi frequenta abitualmente il campo sportivo. Gli stessi Ultrattivi qualche mese fa, sempre tra il silenzio generale, soprattutto delle istituzioni, avevano denunciato un episodio simile (guardare la foto per credere).
Insomma chi scende in campo al “Cagnazzi” è consapevole che, oltre a fare i conti con gli avversari, deve state attento anche all’incolumità fisica. Adesso è ora di dire basta: bisogna intervenire in maniera risolutiva!

Calcio, male le altamurane nelle partite di recupero

Ultrattivi
Ultrattivi

Sono terminate con un bilancio totale di nove gol subiti e di soli tre segnati le partire di recupero che hanno visto protagoniste Fortis Altamura e Ultrattivi.
La prima che, giovedì al ” D’Angelo ” ha ospitato lo Sporting Ordona, gara valida per la 3^ giornata di ritorno del campionato di Promozione, è stata sconfitta per 4 a 1. Non è bastato, alla squadra allenata da Antonio Valente, il vantaggio iniziale siglato da Ardino. Poi Ciccone per due volte, Piscopo e D’Introno, hanno messo le cose in chiaro, consentendo alla squadra foggiana di portare a casa tre punti fondamentali per la corsa verso il secondo posto. Per la squadra murgiana, invece, adesso è piena zona play-out. E domenica altra partita per niente facile: è in arrivo il Modugno che, oltre a rincorrere i play-off, vorrà di certo riscattare la sconfitta dell’andata.
Non è andata meglio agli Ultrattivi, impegnati a Corato per il recupero della partita valida per la 15^ giornata del girone A di Prima Categoria. 5 a 2 il risultato finale a favore dei coratini. La squadra altamurana ha dovuto subire la furia agonistica dei padroni di casa e di uno scatenato Uva, autore di una tripletta. A rimpinguare il bottino ci hanno pensato Gallo e Quacquarelli. Per gli Ultrattivi magra consolazione le reti siglate da Stazione e Rifino che, almeno, sono servite a rendere la sconfitta meno pesante. Nonostante tutto, i ragazzi guidati da Gianluigi Colonna restano a ridosso della zona play-off e domenica hanno una ghiotta occasione per riscattarsi quando al “Cagnazzi” ospiteranno la Virtus Molfetta.

Ultrattivi, il punto dopo il mercato di riparazione

Gisueppe Clemente impegnato sul campo
Gisueppe Clemente impegnato sul campo

Il 17 dicembre si è chiuso il mercato di riparazione nei Dilettanti e molte società hanno completamente stravolto il loro organico. Per gli Ultrattivi si contano soli quattro movimenti, due in entrata e due in uscita. Dopo la sfortunata trasferta di Spinazzola, gli altamurani occupano il quinto posto nella classifica del girone A di Prima Categoria e domenica prossima ospiteranno lo Sportmania Cerignola, una delle compagini che più hanno operato sul mercato. Facciamo il punto della situazione con il direttore generale di Ultrattivi Giuseppe Clemente.
Direttore, innanzitutto diamo uno sguardo alla classifica ed al rendimento della squadra sino all’undicesima.
“Non possiamo che essere soddisfatti del piazzamento attuale in zona play-off anche se, conoscendo il valore della squadra, sono certo che in almeno un paio di occasioni, come le trasferte di Sauri e Barletta, con un approccio mentale differente si poteva incrementare il bottino di punti in classifica. Non abbiamo grandi nomi come in altre realtà ed abbiamo sempre cercato di mantenere il profilo basso, concentrandoci sul lavoro e sulla crescita di un gruppo giovane ma qualitativamente molto preparato. Non ci piacciono i proclami ma siamo consapevoli del nostro valore e, ad oggi, posso dire con certezza che mai nessuna squadra si è dimostrata nettamente superiore alla nostra”.
Domenica scorsa la squadra è uscita sconfitta in quel di Spinazzola, nel big match di giornata.
“È vero, da Spinazzola siamo tornati con una sconfitta sul groppone ma anche lì abbiamo dimostrato tutto il nostro valore. Lo Spinazzola è un’ottima squadra costruita per centrare facilmente un piazzamento play-off ed in casa difficilmente lascia punti agli avversari. Nonostante ciò, almeno sino all’espulsione del nostro difensore Laurieri, i nostri hanno tenuto benissimo il campo, cercando sempre azioni manovrate senza buttare via un solo pallone. L’espulsione giunta attorno al 70′ ha dato coraggio allo Spinazzola, sino a quel momento poco incisivo, a tal punto da chiuderci nella nostra metà campo forti della superiorità numerica. Le reti siglate dai padroni di casa a mio parere non sarebbero mai arrivate se la gara fosse terminata in parità numerica. E’ una sconfitta che ci può stare, lo ripeto: di fronte avevamo una compagine eccellente”.
Solo due movimenti in entrata per gli Ultrattivi in questo mercato di riparazione.
“Assieme al mister Gianluigi Colonna, al suo vice Francesco Carlucci ed all’intero staff tecnico concordiamo ogni piccolo passo, ogni movimento che riguarda la nostra squadra. Dall’analisi fatta alla vigilia dell’apertura del mercato è emerso che l’organico non necessitava di stravolgimenti ma andava solo puntellato per quanto attiene il parco juniores. Abbiamo quindi inserito in organico Pietro Tortorelli, un esterno mancino classe ’97 proveninente dal Team Altamura, e Salvatore Rizzi, difensore del ’95 proveniente dallo Sporting Matera (eccellenza lucana), che nella passata stagione ha recitato un ruolo da protagonista nella vittoriosa cavalcata della FBC Gravina in Promozione. Hanno invece lasciato la squadra il centrocampista Andrea Dinardo e la punta Antonio Nasca. Siamo soddisfatti dell’andamento di questa finestra di mercato, anche alla luce delle diverse richieste proveninenti da altre società rifiutate da nostri tesserati”.
Qual è il tuo parere sul girone A della Prima Categoria?
Rispetto allo scorso anno credo che si tratti di un girone molto livellato e che riserverà molte sorprese. L’Omnia Bitonto credo non abbia rivali anche se il Corato ha tesserato pezzi da novanta per cercare l’aggancio al primo posto. Sono molto dispiaciuto per quanto sta accadendo a Castelluccio dei Sauri dove i media parlano addirittura di un ritiro della squadra dal campionato. Se così sarà ritengo sia una sconfitta per tutto il mondo dei Dilettanti nel quale molte sono le anomalie, a cominciare dai costi esagerati nelle categorie minori. Sarà un campionato molto combattuto sia nelle parti alte che in zona play-out. Il Molfetta, per esempio, credo uscirà presto fuori dalla zona calda. Da parte nostra è necessario mantenere alta la concentrazione in quanto, come è facilmente riscontrabile dai risultati di ogni giornata, anche le gare dal pronostico scontato nascondono molte insidie”.

Gli Ultrattivi tornano alla vittoria

Ultrattivi-Sammarco
Ultrattivi – Sammarco: il terzo tempo

Tornano alla vittoria gli Ultrattivi allenati dal mister Gianluigi Colonna battendo il Sammarco con un perentorio 4-0. Dopo le sconfitte con Bitonto e Audace Barletta, gli altamurani tirano fuori gli artigli scendendo in campo con la grinta e la determinazione utili a chiudere nella propria metà campo gli avversari. Va detto, comunque, che il Sammarco è fanalino di coda del campionato ed in questo mercato di riparazione sta cercando i giusti rinforzi per risalire la china.
Nella prima mezz’ora del primo tempo gli altamurani si adeguano ai ritmi degli ospiti, i quali puntano essenzialmente a non prendere reti. Passata la mezz’ora finalmente gli Ultrattivi spingono sull’acceleratore trovando la rete del vantaggio. La prima rete nasce da un pallone recuperato con caparbietà da Digennaro il quale serve al limite dell’area Basile che col sinistro, di prima intenzione, trova il gol all’incrocio dei pali. Attorno al 40′ gli altamurani raddoppiano: uno scambio al limite dell’area libera il terzino Casalino che, da posizione defilata, trova il diagonale vincente.
Nella ripresa lo spartito è sempre lo stesso: gli Ultrattivi attaccano trovando l’affannosa opposizione degli ospiti. La terza rete biancorossa arriva grazie ad un magistrale calcio di punizione di Campanelli, subentrato all’infortunato Graziadei. Il quarto ed ultimo gol è siglato da Bruscella, bravo nell’approfittare di uno svarione difensivo foggiano battendo il portiere ospite.
La vittoria col Sammarco riporta gli Ultrattivi in zona play-off, al quarto posto, ad una sola lunghezza dallo Spinazzola terzo in classifica, prossimo avversario domenica prossima.

Intervista al tecnico Gianluigi Colonna

Ultrattivi, due episodi premiano la capolista Bitonto

Ultrattivi-Omnia
Ultrattivi – Omnia Bitonto: il terzo tempo

Nonostante l’ottima interpretazione della gara, la grinta e la determinazione messe in campo, gli Ultrattivi del mister Gianluigi Colonna non riescono a fermare la capolista Omnia Bitonto che porta a casa altri tre punti mantenendo invariato il suo distacco dal secondo posto. Eppure i bitontini del mister Benny Costantino non hanno vita facile al “Cagnazzi” di Altamura contro una compagine, quella altamurana, scesa in campo senza timori reverenziali e con il chiaro obiettivo di muovere ulteriormente la classifica.
Pronti via e dopo due minuti gli Ultrattivi vanno vicini al vantaggio con Campanelli, la cui conclusione dal limite viene miracolosamente deviata in angolo dal portiere ospite Verrelli. La gara vede gli altamurani mantenere il pallino del gioco con il Bitonto subito pronto a veloci e pungenti azioni di rimessa sempre insidiose. Dopo un paio di altre conclusioni da fuori a firma di Graziadei e di Campanelli, i bitontini con Petruzzella approfittano dell’unica disattenzione difensiva murgiana portandosi in vantaggio al 26′. La rete ospite stordisce gli altamurani che, nel quarto d’ora successivo, subiscono il gioco del Bitonto che raddoppia al 40′. Sugli sviluppi di un calcio di punizione l’arbitro concede un calcio di rigore per un fallo commesso su Gernone: la trasformazione del penalty è affidata a Francesco Tenzone che non perdona.
Nella ripresa gli Ultrattivi, caricati a dovere dal mister Colonna, tornano padroni del campo, rendendosi pericolosi in diverse occasioni con incursioni sulla fasce. L’occasione più ghiotta capita sui piedi di Nasca, ben imbeccato in area da Graziadei, il quale calcia debolmente addosso a Verrelli. I cambi operati da ambo le parti non portano a cambiamenti nel risultato con la gara che si chiude, dopo cinque minuti di recupero, sullo 0-2 fra le proteste degli altamurani a causa del generoso cartellino rosso comminato a Graziadei per doppia ammonizione.
Nonostante la sconfitta, gli Ultrattivi escono dal rettangolo di gioco fra gli applausi del pubblico presente, consapevoli di aver disputato un’ottima gara contro una vera e propria corazzata destinata a vincere il girone A della Prima Categoria. Queste le dichiarazioni del dg Giuseppe Clemente: «La prestazione di oggi contro la capolista deve ulteriormente accrescere la nostra autostima. Avevamo di fronte un avversario di categoria superiore, ben messo in campo e con individualità importanti. Nonostante ciò per lunghi tratti non si è vista alcuna differenza fra le due squadre e, con un po’ di fortuna e determinazione in più, probabilmente il risultato sarebbe stato differente. Un plauso al mister ed a tutti i ragazzi, anche e soprattutto a chi sinora ha giocato meno!».
Domenica prossima gli Ultrattivi saranno di scena sul sintetico del “Manzi-Chiapulin” di Barletta contro l’Audace, fischio d’inizio alle 14,30.

Intervista al tecnico Gianluigi Colonna