Ultime notizie

Team Altamura, c’è aria di crisi

La squadra altamurana perde anche a Vieste

Rocco Augelli

Rocco Augelli, suo il goal vittoria

C’è aria di crisi nel Team Altamura. La squadra biancorossa, partita come una delle favorite per la vittoria del campionato di Eccellenza, è incappata nella seconda sconfitta consecutiva. Questa volta a strappare i tre punti è stato l’Atletico Vieste che, grazia ad un rigore trasformato da Rocco Augelli intorno alla mezz’ora, ha conquistato l’intera posta in paio. Per il Team, invece, una sconfitta che mette in discussione la posizione di mister Longo al quale è stata affidata una corazzata che, evidentemente, ha ancora troppi punti deboli. Da segnalare ancora un’espulsione, questa volta ai danni di Di Rito, al secondo rosso stagionale dopo quello rimediato in Coppa.
Le due squadre iniziano la partita a viso aperto ma la prima vera emozione dell’incontro arriva solo all’11’ quando Rocco Augelli, dal limite, lascia partire un rasoterra deviato quel tanto che basta da Pentimone in angolo. La replica altamurana arriva intorno al quarto d’ora con una punizione di Di Denso che, dopo la deviazione di Bua, colpisce la traversa. L’episodio decisivo della partita arriva al 27′: Gallo recupera palla in zona d’attacca e serve Triggiani che, appena entrato in area, è atterrato da Roccotelli, costringendo il direttore di gare a decretare il calcio di rigore ai padroni di casi. Dal dischetto Rocco Augelli non sbaglia. La reazione altamurana è flebile e si concretizza solo nei minuti di recupero con il solito Di Senso, sicuramente il migliore dei suoi, che con una punizione da circa 25 metri fa venire un brivido alla difesa di casa, con la palla che, senza essere toccata da nessuno, impatta con il secondo palo.
La ripresa si apre con un’altra ghiotta occasione per il Team Altamura, protagonista, ancora una volta Di Rito che, dopo aver saltato due avversari, trova la strada sbarrata da Bua, bravo a rifugiarsi in angolo. Al 5′, invece, è la squadra altamurana a rischiare grosso quando Rocco Augelli, lanciato in solitaria verso la porta difesa da Pentimone, dal limite dell’area lascia partire un pallonetto che si stampa sulla traversa, sul successivo tentativo di tap-in di Gallo, il portiere biancorosso si supera deviando in corner. Dalla bandierina Colella cerca di sorprendere l’estremo ospite che ancora una volta è bravo a rifugiarsi in angolo. Le emozioni si susseguono in questo frangente di partita e infatti all’8′ si registra l’unica azione degna di nota sull’asse Moscelli-Di Rito con il primo che crossa dalla destra per il secondo che, in scivolata, non trova la porta. Al 18′, invece, è il Vieste a sfiorare il gol della tranquillità, con Caruso che, sugli sviluppi di un angolo, si ritrova da solo sul limite dell’area piccola, ma colpisce male, non centrando la porta. Intorno alla mezz’ora, ecco il solito episodio di nervosismo che sta contraddistinguendo l’inizio di stagione del Team Altamura: Di Rito colpisce un avversario con una manata al volto, guadagnandosi in anticipo gli spogliatoi. L’uomo in meno si fa sentire e, nonostante alcuni cambi operati da mister Longo per il forcing finale, il risultato non cambia più.
Insomma, un altro pessimo risultato per il Team Altamura che, dopo l’illusoria vittoria nella prima giornata contro il Leverano, ha deluso le attese, dimostrando, se ancora ce ne fosse bisogno che negli sport di squadra non sempre la somma dei singoli giocatori, anche se forti, fa una squadra vincente.
Adesso, comunque, ci si aspetta una reazione e, inoltre, bisognerà vedere come si muoverà la società che, ne siamo certi, non si farà certo intimorire dai malumori affiorati tra i tifosi che hanno chiesto la testa di mister Longo. Non resta che aspettare fino a domenica prossima quando la squadra altamurana ospiterà l’Unione Calcio Bisceglie.

ATLETICO VIESTE – TEAM ALTAMURA 1-0

ATLETICO VIESTE: Bua, Augelli P., Silvestri, Giannuzi, Caruso, Camasta, Augelli R., Santoro (30′ st Pafundi), Triggiani (38′ st Sollito), Colella, Gallo. A disposizione: Innagni, Truzzi, Icardi, Stoppiello, Gravinese. Allenatore: Cinque. TEAM ALTAMURA: Pentimone, Natale, Roccotelli (42′ st Mancini), Cannito (20′ st Golban, 42′ st Stavila), Montrone, Amato, Tragni, Logrieco, Di Rito, Moscelli, Di Senso. A disposizione: Genta, Capone, Panarelli, Ghita. Allenatore: Longo.
ARBITRO: Balestrucci della sezione di Barletta, coadiuvato da Tomasi e Talucci della sezione di Taranto.
RETI: 27′ pt Augelli R. (AV, rig.).
AMMONITI: Camasta, Bua, Caruso (AV); Roccotelli, Moscelli, Tragni, Montrone (TA).
ESPULSO: 29′ st Di Rito (SA), per comportamento violento.

The following two tabs change content below.
Domenico Olivieri

Domenico Olivieri

Erano gli anni dei "Figli dei Fiori" quando, esattamente nel 1977, nasceva Domenico Olivieri. Fin dai primi vagiti si mostrava un bambino turbolento così come lo erano quegli anni. Poi, durante l'adolescenza, inizia ad interessarsi allo sport pur non praticandone nessuno con profitto, divorando trasmissioni e quotidiani sportivi praticamente ogni giorno. Dopo la maturità, conseguita nel 1996 presso l'Istituto Tecnico Commerciale "F. M. Genco", inizia ad appassionarsi a tutto quello che riguarda la tecnologia. Poi, nel 2006, finalmente, decide di lanciarsi in prima persona nel mondo dello sport diventando addetto stampa di una squadra di calcio a 5, l'ormai defunta Avanti Delfini Altamura. Dopo due anni passa, sempre con lo stesso ruolo, tra le fila della Pellegrino Sport, altra squadra altamurana. Dal 2009 al 2011, invece, è l'addetto stampa della Tris Gravina, squadra militante nel campionato di serie C1 di calcio a 5. Grazie a questa esperienza inizia la sua collaborazione con un portale di calcio a 5, diventando parte integrante dello staff. Poi le collaborazioni con Altamuralife.it, pugliacalcio24.it e calciowebdilettanti.it. e, infine, dal 2012, insieme all'amico fraterno Leonardo Loporcaro, fonda il sito www.altamurasport.it, unico portale cittadino ad occuparsi di tutto lo sport. Le sue grandi passioni, oltre allo sport e alla tecnologia, sono i libri, il cinema e i viaggi, passione, quest'ultima, che lo ha portato in giro per il mondo. Nella vita di tutti giorni, inoltre, lavora come impiegato presso una società che opera nel comparto del mobile imbottito, è felicemente sposato e papà di una bambina.

Comments

comments

Domenico Olivieri
CircaDomenico Olivieri (214 Articles)
Erano gli anni dei "Figli dei Fiori" quando, esattamente nel 1977, nasceva Domenico Olivieri. Fin dai primi vagiti si mostrava un bambino turbolento così come lo erano quegli anni. Poi, durante l'adolescenza, inizia ad interessarsi allo sport pur non praticandone nessuno con profitto, divorando trasmissioni e quotidiani sportivi praticamente ogni giorno. Dopo la maturità, conseguita nel 1996 presso l'Istituto Tecnico Commerciale "F. M. Genco", inizia ad appassionarsi a tutto quello che riguarda la tecnologia. Poi, nel 2006, finalmente, decide di lanciarsi in prima persona nel mondo dello sport diventando addetto stampa di una squadra di calcio a 5, l'ormai defunta Avanti Delfini Altamura. Dopo due anni passa, sempre con lo stesso ruolo, tra le fila della Pellegrino Sport, altra squadra altamurana. Dal 2009 al 2011, invece, è l'addetto stampa della Tris Gravina, squadra militante nel campionato di serie C1 di calcio a 5. Grazie a questa esperienza inizia la sua collaborazione con un portale di calcio a 5, diventando parte integrante dello staff. Poi le collaborazioni con Altamuralife.it, pugliacalcio24.it e calciowebdilettanti.it. e, infine, dal 2012, insieme all'amico fraterno Leonardo Loporcaro, fonda il sito www.altamurasport.it, unico portale cittadino ad occuparsi di tutto lo sport. Le sue grandi passioni, oltre allo sport e alla tecnologia, sono i libri, il cinema e i viaggi, passione, quest'ultima, che lo ha portato in giro per il mondo. Nella vita di tutti giorni, inoltre, lavora come impiegato presso una società che opera nel comparto del mobile imbottito, è felicemente sposato e papà di una bambina.

Rispondi