Ultime notizie

Team Altamura, continua il sogno serie D

La squadra biancorossa supera meritatamente il Barletta

Team Altamura - Barletta

La squadra si carica sotto la splendida coreografia altamurana

Continua il sogno chiamato serie D per il Team Altamura che, grazie al 2 a 0 rifilato al Barletta nella finale dei play-off del campionato di Eccellenza Pugliese, accede meritatamente alla fase nazionale per l’assegnazione di otto posti nella quarta serie. Per la squadra biancorossa il giusto premio per una stagione giocata ad alti livelli.
L’avvicinamento alla partita è stato condito da tante polemiche nate a seguito della decisone degli organi competenti di vietare la trasferta ai tifosi barlettani. Tornando al campo, non ci sono molte sorprese nelle formazioni iniziali. Mister Panarelli ritrova Cannito e Grazioso al centro della difesa, mentre come esterno sinistro d’attacco preferisce Lenoci a Curci. Sulla destra Di Senso, in attacco Del Core è supportato da Logrieco. Tra gli ospiti tutti gli occhi sono puntati sull’ex Moscelli che ad Altamura non ha lasciato buoni ricordi.
È il Barletta, in virtù di una peggior classifica, a dover fare la partita. È invece l’Altamura a condurre le danze e a farsi vedere in avanti per prima al 7′ con un tiro di Lenoci che termina a lato. Al 15’, invece, occasionissima per Logrieco che, servito con un cross da Del Core, colpisce la traversa con un tocco ravvicinato. Intorno alla mezz’ora si fanno vedere gli ospiti con D’Ambrosio che, su cross dalla sinistra di De Carlo, tutto solo sul secondo palo, spedisce incredibilmente fuori, poi al 34’ ci prova Loiodice con una botta da fuori ben controllata da Spadavecchia. Il portiere altamurano, però, quasi la combina grossa al 42’ quando, su un tiro non irresistibile di Vicentin, si lascia sfuggire la palla che, dopo aver impattato sulla traversa, sorprende anche D’Ambrosio che, da due passi, calcia a lato.
Anche nella ripresa ci si aspetta un Barletta più propositivo ma, ancora una volta, la realtà è diversa. È ancora il Team Altamura a spingere sull’acceleratore e a passare meritatamente in vantaggio al 9’: punizione dalla sinistra di Di Senso, una specie di corner corto, palla indirizzata verso la porta con Di Candia che alza in campanile, la palla resta all’interno dell’area piccola, mischia a ridosso della linea di porta e tocco vincente di Grazioso. Il Barletta sembra frastornato e a niente servono le sostituzioni operate da mister Pizzulli. Al 27’, poi, gli ospiti vanno in inferiorità numerica: Moscelli colpisce con un calcio a palla lontana il capitano altamurano Cannito, l’assistente appostato dalla parte della gradinata scoperta vede tutto, richiamando l’attenzione del signor Caldera di Como che non può far altro che mandare sotto la doccia l’esperto attaccante barlettano che, così, termina anzitempo una prestazione incolore. Gli altamurani ringraziano e al 37’ trovano il raddoppio con Del Core che, da vero rapace dell’area di rigore, si fa trovare nel posto giusto al momento giusto, spingendo in rete un cross basso dalla destra di Visconti, entrato in campo da qualche minuto al posto di Logrieco. Negli ultimi scampoli di partita niente da segnalare e al triplice fischio finale scatta la festa della squadra altamurana che va, giustamente, a festeggiare sotto la tribuna occupata dagli ultras, tribuna, tra l’altro, piena oltre l’effettiva capienza.
Per il Team Altamura quindi, la strada verso la serie D, ancora lunga e tortuosa continua: il 15 e 22 maggio si giocheranno le partite di andata e di ritorno dei play-off nazionali con la squadra altamurana che affronterà la vincente della partita tra Real Metapontino e l’Angelo Cristofaro.

TEAM ALTAMURA – BARLETTA 1922 2-0

TEAM ALTAMURA: Spadavecchia, Natale, Triozzi, Cannito, Grazioso, Diagnè, Di Senso, Berardi, Del Core (44’ st Dispoto), Logrieco (36’ st Visconti), Lenoci (31’ st Mancini). A disposizione: Dascalu, Dammacco, Caldarola, Curci. Allenatore: Panarelli.
BARLETTA 1922: Dicandia, Dipinto, De Carlo, Zingrillo (21’ Rizzo), Montrone, Monopoli, D’Ambrosio (21’ Cormio), Cantatore, Vicentin (25’ st Sguera), Moscelli, Loioidice. A disposizione: Diouf, Piazzolla, Rizzi, Fabiano. Allenatore: Pizzulli.
ARBITRO: Caldera di Como.
ASSISTENTI: Tomasi di Taranto e Sabatino di Foggia.
RETI: 9’ st Grazioso (TA), 37’ st Del Core (TA).
AMMONITI: Natale, Del Core (TA); Dipinto, Montrone, Vicentin (B).
ESPULSI: 27’ st Moscelli (B), per gioco violento a palla lontana.
RECUPERO: 1’ pt, 5’ st.
NOTE: cielo nuvoloso, terreno in non perfette condizioni, spettatori 2000 circa.

The following two tabs change content below.
Domenico Olivieri

Domenico Olivieri

Erano gli anni dei "Figli dei Fiori" quando, esattamente nel 1977, nasceva Domenico Olivieri. Fin dai primi vagiti si mostrava un bambino turbolento così come lo erano quegli anni. Poi, durante l'adolescenza, inizia ad interessarsi allo sport pur non praticandone nessuno con profitto, divorando trasmissioni e quotidiani sportivi praticamente ogni giorno. Dopo la maturità, conseguita nel 1996 presso l'Istituto Tecnico Commerciale "F. M. Genco", inizia ad appassionarsi a tutto quello che riguarda la tecnologia. Poi, nel 2006, finalmente, decide di lanciarsi in prima persona nel mondo dello sport diventando addetto stampa di una squadra di calcio a 5, l'ormai defunta Avanti Delfini Altamura. Dopo due anni passa, sempre con lo stesso ruolo, tra le fila della Pellegrino Sport, altra squadra altamurana. Dal 2009 al 2011, invece, è l'addetto stampa della Tris Gravina, squadra militante nel campionato di serie C1 di calcio a 5. Grazie a questa esperienza inizia la sua collaborazione con un portale di calcio a 5, diventando parte integrante dello staff. Poi le collaborazioni con Altamuralife.it, pugliacalcio24.it e calciowebdilettanti.it. e, infine, dal 2012, insieme all'amico fraterno Leonardo Loporcaro, fonda il sito www.altamurasport.it, unico portale cittadino ad occuparsi di tutto lo sport. Le sue grandi passioni, oltre allo sport e alla tecnologia, sono i libri, il cinema e i viaggi, passione, quest'ultima, che lo ha portato in giro per il mondo. Nella vita di tutti giorni, inoltre, lavora come impiegato presso una società che opera nel comparto del mobile imbottito, è felicemente sposato e papà di una bambina.

Comments

comments

Domenico Olivieri
CircaDomenico Olivieri (214 Articles)
Erano gli anni dei "Figli dei Fiori" quando, esattamente nel 1977, nasceva Domenico Olivieri. Fin dai primi vagiti si mostrava un bambino turbolento così come lo erano quegli anni. Poi, durante l'adolescenza, inizia ad interessarsi allo sport pur non praticandone nessuno con profitto, divorando trasmissioni e quotidiani sportivi praticamente ogni giorno. Dopo la maturità, conseguita nel 1996 presso l'Istituto Tecnico Commerciale "F. M. Genco", inizia ad appassionarsi a tutto quello che riguarda la tecnologia. Poi, nel 2006, finalmente, decide di lanciarsi in prima persona nel mondo dello sport diventando addetto stampa di una squadra di calcio a 5, l'ormai defunta Avanti Delfini Altamura. Dopo due anni passa, sempre con lo stesso ruolo, tra le fila della Pellegrino Sport, altra squadra altamurana. Dal 2009 al 2011, invece, è l'addetto stampa della Tris Gravina, squadra militante nel campionato di serie C1 di calcio a 5. Grazie a questa esperienza inizia la sua collaborazione con un portale di calcio a 5, diventando parte integrante dello staff. Poi le collaborazioni con Altamuralife.it, pugliacalcio24.it e calciowebdilettanti.it. e, infine, dal 2012, insieme all'amico fraterno Leonardo Loporcaro, fonda il sito www.altamurasport.it, unico portale cittadino ad occuparsi di tutto lo sport. Le sue grandi passioni, oltre allo sport e alla tecnologia, sono i libri, il cinema e i viaggi, passione, quest'ultima, che lo ha portato in giro per il mondo. Nella vita di tutti giorni, inoltre, lavora come impiegato presso una società che opera nel comparto del mobile imbottito, è felicemente sposato e papà di una bambina.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: