Ultime notizie

Vita Simone: “Sarà una stagione con diverse novità in casa Leonessa Altamura”

Coach Vita Simone ci svela come sarà la stagione agonistica 2015/16 della società altamurana

Vita Simone

Vita Simine, qui insieme a Claudio Marchisio

Diversi successi a livello giovanile, promozione in serie D dalla prima divisione giovani e play off raggiunti in serie C. Che tipo di stagione è stata?
“Facendo un bilancio sulla stagione appena conclusa non possiamo che considerarlo molto positivo sia sotto il profilo degli obiettivi di squadra raggiunti in tutte le categorie che ci hanno viste protagoniste, sia sotto quello della crescita tecnica di tutte le nostre atlete che, comunque, è la nostra priorità nella maniera più assoluta.”
Qual è stata la soddisfazione più bella e quale la delusione, se c’è stata, più grande?
Siamo molto soddisfatti delle nostre atlete, dalle più grandi alle ultime arrivate. Lavorano tanto, sono inquadrate come atlete e ci danno molte soddisfazioni, anche se a volte perdono qualche partita importante tipo la finale regionale under18, ma sono cose che si possono mettere in preventivo. Anche queste sono esperienze che servono a far maturare, in ognuna di loro, più responsabilità e a far crescere in loro la determinazione.”
Recentemente alla Leonessa è stata donata una targa con un tutti i successi da quattro anni a questa parte. Successi sinonimo di continuità ma qual’ è il vostro segreto?
Questa domanda me la fanno in molti a dire il vero. Al volley party siamo stati premiati per i tanti campionati provinciali vinti in questi anni. Penso che il segreto, se cosi vogliamo chiamarlo, sia da cercare in primis nella nostra oculata e razionale programmazione dell’attività. Abbiamo cercato di lavorare in più anni per step e con degli obiettivi determinati, mettendo in conto tutte le possibili variabili anche quella di non riuscire a raggiungere un obiettivo prefissato. Questo può succedere, ovvio, ma bisogna lavorare sodo e raccogliere ciò che la stagione offre, anche le sconfitte che come ho detto prima aiutano e rinforzano spesso più delle vittorie. Solitamente ci proponiamo degli obiettivi alti per elevare il livello sia sotto il profilo della la qualità degli allenamenti sia sotto quello della crescita caratteriale. La nostra scelta è di lavorare per cicli di fascia di età per dare continuità di lavoro ai vari gruppi partendo, per esempio, dall’under13 per poi proseguire con tutti gli altri campionati.”
Anno nuovo stagione nuova…Quali le novità per la stagione 2015/16?
“Si è appena aperta la nuova stagione e, dopo una settimana di relax, siamo a lavoro per programmare gli impegni agonistici. Iniziamo con una bella novità: abbiamo appena concluso un accordo con la UISP Putignano che prevede di unire le forze per i campionati under16 e under18 . Un progetto che da sempre ho cercato di mettere su ma non è mai stato accolto con ottimismo negli anni passati. Con i dirigenti e tecnici del Putignano, invece, abbiamo subito avuto lo stesso entusiasmo e la certezza che la cosa poteva essere fatta. Così, stabiliti alcuni aspetti tecnico logistici, abbiamo iniziato a fare alcuni allenamenti congiunti. È un progetto a cui spero si associno molte altre società perchè si tratta di una seria ed efficace collaborazione fra club che convoglieranno le atlete in prospettiva interessanti nei campionati di punta ,rispettando l’attività di ogni società, e dando loro una maggiore visibilità. Sono ottimista e sono convinta che e’ un valido progetto giovanile di collaborazione. In definitiva è un’idea di consorzio che cercherà di migliorare il livello delle giovani atlete allargandolo a diverse realtà.”
Per quanto riguarda qualche volto nuovo?
“Ci saranno diversi volti nuovi. Una gradita novità per la Leonessa sarà quella che vedrà l’ingresso nello staff tecnico di Paola Picerno che ci dara una mano nei settori giovanili permettendoci di allargare la nostra base. Per quanto riguarda le atlete posso dire che diverse giovani ragazze, dalle prospettive molto interessanti stanno sposando il nostro progetto. A giorni vi forniremo i nomi delle new entry. La cosa positiva è la grande collaborazione che stiamo ricevendo da molte società e questo e’ un aspetto molto importante che ci lascia ben sperare per il futuro.”
Facendo un discorso in generale dove la pallavolo pugliese può e deve migliorare?
La pallavolo pugliese , nel femminile, deve migliorare alla base, iniziando a costruire bene dal minivolley, lavorando bene con i piccoli. Importante sarà poi cercare di trovare imprenditori che investano nel volley , perché è un peccato, per esempio, sapere che una formazione di B2 è costretta a chiudere i battenti per mancanza di sponsor .Bisogna pensare più al lavoro che ai risultati immediati, bisogna creare atlete giovani ma forti che possano giocare tranquillamente nei vari campionati, anche nazionali. Invece io vedo molte realtà che spendono moltissimo per la prima squadra, investendo poco nei giovanili e non facendo programmazione. Spesso vedo solo campagne acquisti, a volte assurde, ma solo per la prima squadra. Su questo punto credo che dovremmo migliorare un po’ tutti quanti.”

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Leonessa Altamura (vedi tutti)

Comments

comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: