Archivi categoria: Calcio

Goleada al Palapiccinni

Dopo due pareggi e una sconfitta, la Pellegrino Sport C5 ritrova la vittoria contro il Velo Club Adelfia nella ventiduesima giornata di campionato. Partita che ha poco da raccontare data la supremazia dei padroni di casa che affrontano la gara senza il loro capitano Gramegna. Mister Maremonti si affida ad Angelastri tra i pali, Montemurno pivot, Angelino e Tancredi sulle fasce e Maino pivot. Partita subito in discesa per i padroni di casa grazie a Maino che, al primo minuto, supera gli avversari come birilli e dal limite dell’area tira e trafigge il portiere avversario, 1-0. Pellegrino Sport C5 amministra il vantaggio per quasi tutto il primo tempo e cercando anche il raddoppio ma, al 17’, Ranieri con un tiro dalla sinistra trafigge Angelastri e pareggia i conti. Immediata la reazione dei padroni di casa che cercano di riportarsi in vantaggio con conclusioni da fuori; il primo a provarci è Facendola, ma la sua conclusione si schianta contro il palo, al 25’ invece il tiro di Montemurno trafigge il portiere e riporta i suoi in vantaggio. Vantaggio che nel giro di pochi minuti aumenta grazie a un tiro di Maino al 28’ e a una ribattuta che favorisce la zampata di Danilo D.. Primo tempo che si conclude con i padroni di casa della Pellegrino Sport C5 in vantaggio per 4-1 e con una partita ormai chiusa già nella prima mezz’ora. Secondo tempo che non ha nulla da raccontare, i padroni di casa amministrano il vantaggio senza problemi e senza subire occasioni pericolose da parte degli avversari. Uniche occasioni degne di nota sono i due gol siglati da Facendola, la prima al 18’ con un tiro da fuori e la seconda al 23’ su punizione da posizione centrale. Partita conclusa sul 6-1, tre punti importanti per la classifica e specialmente per i probabili play-off.

PELLEGRINO SPORT C5 – VELO CLUB ADELFIA 6-1

PELLEGRINO SPORT C5: Angelastri, Dileo M., Maino, Facendola, Santacroce, Tancredi, Ciccimarra, Clemente, Dileo D., Angelino, Lombardi.

VELO CLUB ADELFIA: Lopriore, Pace, Angiulli, Coppi, Flora, Giglio, Paparella, Tanzi, Colella, De Sandi, Ranieri, Volturno.

RETI: 1’ pt Maino, 25’pt Montemurno, 28’ pt Maino, 32’pt Dileo D., 18’ e 23’ st Facendola (PS), 11’st Ranieri (VA)

FALLI: 4-3 pt, 1-3 st.

AMMONITI: Montemurno (PS), Lopriore (VA)

RECUPERO: 2’ pt, 0’ st.

Coppa Italia, il Team Altamura perde il primo round

Troina-Altamura
L’autore del gol vittoria Souare (ph. Prof. Cortese)

Se lo aggiudicano i siciliani del Troina il primo round dei quarti di finale di Coppa Italia nazionale di Eccellenza. A farne le spese, se pur con il minimo scarso, 1 a 0, il Team Altamura che, comunque, non ha demeritato, disputando la partita a viso aperto. Encomiabili anche i supportes altamurani, un centinaio quelli presenti che, nonostante il giorno feriale, si sono sobbarcati una lunga trasferta, pur di non far mancare il loro supporto alla squadra.
Squadra che vince non si cambia? Non è così per mister Panarelli che, forse per via dei tanti impegni ravvicinati, cambia quattro undicesimi rispetto alla partita vinta contro il Novoli. Fuori, quindi, Colaianni, Lede, Bottone e Ostuni, dentro Cannito, Fiorentino, Fernandez e Morea.
I padroni di casa partono forte, presentandosi in un paio di circostanze dalle parti di Keita, la prima volta con Diallo che però si fa pescare in posizione di fuorigioco, poi con una conclusione di De Souza Santos che, fortunatamente, non inquadra la porta. Il Team Altamura cerca di rispondere colpo su colpo e al 18’ va vicino al vantaggio con Fernandez che impegna severamente Lizzoni. Al 23’ ancora Troina pericoloso con Souare, ottima la risposta di Keita, tre minuti più tardi è Adeyemo a sprecare un’ottima occasione di testa sugli sviluppi di una punizione. L’ultima occasione della prima frazione, però, è di marca altamurana con Sisalli che costringe Lizzoni ad intervento difficile.
La ripresa inizia con i fuochi d’artificio perché Russo da una parte e Montrone dell’altra vengono espulsi per reciproche scorrettezze, lasciando le squadre in dieci. A partire meglio anche in questa frazione sono i siciliani che dopo essersi resi pericolosi in due occasioni, all’11’ trovano il vantaggio grazie a Souare. Il Team Altamura non riesce a reagire e, così, al 21’ mister Panarelli corre ai ripari inserendo Bottone al posto di Senso. Sono però i padroni di casa a rendersi pericolosi sempre con Souare. La squadra murgiana sembra un po’ in difficoltà ma nei minuti finali sfiora il pareggio, al 40’ con Rana, bravo ancora una volta Lizzoni, e in pieno recupero con Tragni che da pochi, passi, calcia incredibilmente fuori. Qualche istante più tardi arriva il triplice fischio finale.
Insomma, per il Team Altamura, discorso qualificazione ancora aperto. Tra sette giorni, infatti, si replica a campi invertiti e la squadra altamurana ha la forza per rimontare. Intanto, una buona notizia arriva dal fronte campionato: il giudice sportivo ha assegnato al team murgiano la vittoria a tavolino della partita di due domeniche fa giocata in casa dell’Atletico Vieste e terminata sul campo con il risultato finale di 3 a 1 per gli ofantini. A costare la vittoria alla squadra viestana il tesseramento non regolare di Pafundi. Il Team Altamura, quindi, si presenta a Cerignola con la concreta possibilità, in caso di vittoria, di riaprire il campionato.

TROINA-TEAM ALTAMURA 1-0

TROINA: Lizzoni, Russo, Del Col, Tuninetti, Silvestri, Fricano, Souare, De Souza Santos (39’ st Marullo), Diallo (32’ st Romeo), Melillo (24’ st Orlando), Adeyemo. A disposizione: Messina, Bello, Fernandez Cipolla, Marletta. Allenatore: Pagana.
TEAM ALTAMURA: Keita, Cannito, Sisalli, Di Benedetto, Montrone, Montemurro, Di Senso (21’ st Bottone), Fiorentino, Fernandez (1’ st Tragni), Rana, Morea. A disposizione: Caiati, Natale, Colaianni, Notaristefano, Ostuni. Allenatore: Panarelli.
ARBITRO: Beretta di Monza.
ASSISTENTI: Spena di Saronno e Monella di Chari
RETI: 11’ ST Souare (T).
AMMONITI: Silvestri, Russo, Diallo, Del Col (T): Montemurro, Fiorentino (TA)
ESPULSI: 2’ st Russo (T) e Montrone (TA) per reciproche scorrettezze.
RECUPERO: 1’ pt, 5’ st.

Il Team Altamura non si arrende

Team-Novoli
La squadra altamurana festeggia con i tifosi

Successo sofferto ma meritato per il Team Altamura che, così come era accaduto dopo la batosta di Casarano, rialza immediatamente la testa e, battendo in casa il Novoli per 3 a 2, riscatta la deludente sconfitta rimediata a Vieste. Non è stato tutto semplice per la squadra altamurana che, nonostante abbia mantenuto costantemente in mano il pallino del gioco, ha dovuto rimontare lo svantaggio di 2 a 1, maturato al termine della prima frazione.
Per il suo nuovo esordio in forma ufficiale sulla panchina altamurana, mister Panarelli schiera una formazione con due prime punte, Bottone e Rana, mentre Di Senso, tra i migliori anche mercoledì in Coppa, agisce sulla fascia destra. Tra le fila degli ospiti da registrare la sola assenza dello squalificato Schiavone.
Partenza fulminea per il Team Altamura che dopo due giri di lancette è già in vantaggio: discesa sulla destra di Di Senso, cross al centro dell’area di Bottone che, calciando di prima intenzione, insacca, nonostante il tentativo di parata da parte di Larghezza. Due minuti dopo occasione per raddoppiare, ma Ostuni, dal limite, non inquadra di poco la porta. Il Team Altamura sembra poter disporre a proprio piacimento degli avversari, ma al 32’ arriva la prima doccia fredda: sugli sviluppi di un angolo, la difesa altamurana si addormenta, la palla arriva tra i piedi di Giorgetti che, appostato sul secondo palo, pesca Di Silvestro che, da due passi, insacca nella porta sguarnita. Al 43’ ancora in evidenza Giorgetti che, entrato in area di rigore, viene steso da Dibenedetto. Il direttore di gara assegna il penalty che lo stesso attaccante salentino si incarica di tirare: Keita è bravo ad intuire la traiettoria del tiro, ma non può far niente sul tap-in di Carlucci.
La ripresa segue lo stesso canovaccio della prima frazione: Altamura subito pericoloso con Dibenedetto che, su calcio d’angolo, di testa, si vede respingere il tiro da Poti sulla linea di porta. La formazione murgiana insiste e al 12’ trova il meritato pareggio grazie ad una grande azione personale di Di Senso che, dopo aver superato tre difensori, calcia sul palo più lontano dove larghezza non può arrivare.  Il pareggio sta stretto al Team che, però, in due occasioni, con Di Senso e Rana, sfiora il gol del vantaggio che, comunque, arriva al 20’ grazie a Dibenedetto che, sugli sviluppi di una punizione di Di Senso, trova la deviazione vincente. Nella seconda parte della frazione, il Team Altamura si limita a controllare e porta a causa una vittoria meritata.
Grazie a questi tre punti, il Team Altamura mantiene vivo il discorso campionato, soprattutto perché domenica prossima c’è la trasferta a Cerignola. Intanto, però, mercoledì c’è da giocare l’andata dei quarti di finale di Coppa Italia contro i siciliani del Troina.

TEAM ALTAMURA – NOVOLI 3-2

TEAM ALTAMURA: Keita, Colaianni, Sisalli, Dibenedetto, Montrone, Montemurro, Di Senso, Lede (14′ st Fernandez), Bottone (35′ st T ragni), Rana (44′ st Cannito), Ostuni. Adisposizione: Caiati, Natale, Notaristefano, Morea. Allenatore: Panarelli.
NOVOLI: Laghezza, De Giorgi, De Vincentis, Di Silvestro, Elia, Poti, Carlucci (33′ st Di Lorenzo), Podo, Fiscella, Malagnino, Giorgetti. A disposizione: Margiotta, Quarta, Giannuzzi, Vergari, Cappilli, Rizzi. Allenatore: Schipa.
ARBITRO: lannella di Taranto.
ASSISTENTI: Balestrucci di Barletta e Miceli di Taranto.
RETI: 2′ pt Bottone (TA), 32′ pt Di Silvestro (N), 44′ st Carlucci (N); 12′ st Di Senso (TA), 20′ st Dibenedetto (TA).
AMMONITI: Di Senso, Colaianni (TA); De Giorgi, Carlucci, Podo (N).
RECUPERO: 1’ pt, 3’ st.
NOTE: spettatori circa 600.

Le selezioni “Oktagon” arrivano ad Altamura

AltamuraWarriors
La locandina dell’evento

Segnatevi questa data: domenica 26 marzo. Presso il palazzetto dello Sport della città murgiana, sarà in scena “Altamura Warriors – Wolf Fighting Championship”, evento fra i più importanti del sud Italia nel panorama delle arti marziali miste. La manifestazione, organizzata da Agostino De Rosa e dall’ASD Wolf Temple, con la collaborazione del Team altamurano di Giuseppe Cifarelli, promette di regalare emozioni e adrenalina in quantità, grazie ad una card pazzesca che vedrà ben due eventi nella stessa serata, un palcoscenico di 110 mq sul quale sarà montato un ring ed una gabbia Led Wall 6×3, il tutto contornato da luci fumo e fiamme, per uno spettacolo si preannuncia indimenticabile. A darsi battaglia fighter provenienti da tutta Italia e dall’estero e ciliegina sulla torta saranno i due atleti altamurani, allenati dal maestro Cifarelli: Paolo Incampo  e Domenico Lomurno che in un match valevole per le Selezioni Oktagon affronterà Alex Etoga del Team Kombat Sports.
Questa, comunque, la card completa della serata:
RING
– 1° match K1: Angelo Manicone vs Tba
– 2° match K1: Franklin Ci Papangelo vs Michael Garnye
– 3° match K1: Paolo Incampo vs Hemida Abdellaz
– 4° match K1 Selezione Oktagon: Domenico Lomurno vs Alex Etoga
GABBIA
– 1° match International Prestige Fight Roberta Zocco vs Morgane Delagnau
– 2° match Main Event: Francesco Nuzzi vs Claudio Iancu
Inoltre ci saranno dieci match con atleti semi-professionisti, tra i quali ci sono Francesco Paolicelli, Gimmy Hallulli, Mario Barone, Vito Gatti, Michele Clemente, Michelangelo Colangelo, più un torneo dilettantistico di due ore.
Insomma per gli appassionati degli sport da combattimento una scorpacciata da leccarsi i baffi.

Coppa Italia Eccellenza, il Team Altamura vola ai quarti

Team-Portici
L’undici iniziale del Team Altamura (ph. Doanto Massaro)

Continua l’avventura del Team Altamura nelle fasi nazionali della Coppa Italia di Eccellenza. Alla formazione murgiana, dopo il deludente pareggio rimediato in casa del Moliterno, serviva assolutamente una vittoria per superare il turno e vittoria è stata. A farne le spese, per 2 a 0, una squadra di tutto rispetto, il Portici, squadra imbottita di giocatori di categoria superiore e prima nel suo campionato. Una vittoria che, inoltre, riporta un po’ di tranquillità in casa altamurana che, dopo la sconfitta rimediata a Vieste, è stata scossa dalle dimissioni di mister Di Maio.
Per questa importante partita, giocata a porte chiuse, ad accomodarsi in panchina e Luigi Panarelli, ritornato da poche settimane in società con il ruolo di direttore generale. Per lui pochi giorni per conoscere la squadra e quindi modulo e formazione che, in buona sostanza, ricalca quelle schierate dal suo predecessore.
Il Team Altamura parte con il piglio giusto e nel primo quarto d’ora costruisce almeno tre potenziali occasioni pericolose che però si concludono con un nulla di fatto. Poco oltre la mezz’ora, invece, ci prova Di Senso con un tiro-cross, deviato in corner , mentre nei minuti finali ci prova per due volte Morea, prima non arriva di poco su un lancio dalle retrovie di Dibenedetto, poi non inquadra la porta di testa.
Nella ripresa ancora Altamura più propositiva e prima occasione al 12′ con Di Senso che ci prova dalla distanza, non centrando, se pur di poco, il bersaglio grosso, stessa sorte per il tentativo di Dibenedetto, al 17′. Miglior sorte, al 23′, ha il tentativo di Montemurro
che, con un tiro potente e preciso, mette la palla sotto l’incrocio dei pali, portando in vantaggio i suoi. La squadra altamurana insiste e dopo soli due minuti sfiora il raddoppio con Bottone: strepitoso Testa a rifugiarsi in angolo. Gli ospiti tentano il tutto per tutto, inserendo un altro attaccante ma si espongono alle ripartenze dei murgiani che, infatti, al 37′, proprio in contropiede, raddoppiano con Di Senso, bravo anche ad approfittare di un errore della retroguardia campana e a superare Testa. Nel finale di partita, il Portici si spinge tutto in avanti alla ricerca almeno del gol della bandiera, ma la difesa altamurana fa buona guardia. Dopo sei, interminabili, minuti di recupero arriva il triplice fischio finale.
Può, così, esplodere la gioia del Team Altamura che, nonostante l’assenza dei propri sostenitori, può esultare per il passaggio ai quarti di finale dove affronterà i siciliani del Troina. Si inizia mercoledì 15 marzo in trasferta, ritorno una settimana dopo. Nel frattempo è arrivata anche l’ufficialità per quanto riguarda Panarelli che, come la scorsa stagione, avrà il compito di guidare la squadra nel finale di stagione.

TEAM ALTAMURA – PORTICI 2-0

TEAM ALTAMURA: Keita, Cannito, Sisalli, Dibenedetto, Montrone, Montemurro, Di Senso (42′ st Tragni), Fiorentino, Fernandez (12′ st Bottone), Rana (50′ st Colaianni), Morea. A disposizione: Caiati, Natale, Ostuni, Notaristefano. Allenatore: Panarelli.
PORTICI: Testa, Sardo, Botta (26′ st Visone), Olivieri, Follera, Fiorillo, Noviello, Ruscio, Incoronato (20′ st Fava Passaro), Murolo E., Panico (26′ st Manzo). A disposizione: Mola, Boussaada, Murolo V., Rullo. Allenatore: Borrelli.
ARBITRO: Gregoris di Siena.
ASSISTENTI: Ciancaglini di Vasto e Lustri di Avezzano.
RETI: 23′ pt Montemurro (TA), 37′ st Di Senso (TA).
AMMONITI: Fiorentino (TA); Olivieri, Incoronato (P).
RECUPERO: 1′ pt, 6′ st.
NOTE: Gara a porte chiuse.

La Leonessa vince anche a Molfetta

Molfetta-Leonessa
Le Leonesse festeggiano la vittoria

La Pastificio Dibenedetto Leonessa Altamura conquista il successo numero 14 di questo campionato di serie C andando a sbancare il Pala Don Luigi Sturzo di Molfetta. Le ragazze di mister Claudio Marchisio hanno avuto la meglio su le ostiche padrone di casa della Pegaso con il risultato di 3 a 0 (25-21, 25-21, 25-23) al termine di una gara molto equilibrata, giocata punto a punto. Merito delle padrone di casa, ben disposte in campo in fase difensiva ma capaci anche di non far allungare le leonesse nel corso dei parziali. La Leonessa, dal canto suo, pur non essendo nella sua migliore serata, a causa anche di infortuni non ancora assorbiti del tutto per alcune atlete, ha gettato il famoso cuore oltre l’ostacolo, vincendo la gara e incamerando tre, importantissimi punti, che blindano ancor di più il terzo posto.
Le altamurane sono scese in campo con questa formazione: Ndriollari in cabina di regia con Fanelli sulla sua diagonale, Nuzzi e DiTommaso al centro, Facendola e Nanocchio bande con Rizzi libero. I primi due set hanno seguito lo stesso canovaccio: parziali equilibrati ma che scivolavano, col medesimo punteggio in casa altamurana. Più difficile la terza frazione dove la Leonessa presentava due novità in campo: Lorusso come opposta e Pepe banda. Nonostante lo svantaggio di sette lunghezze durante il set, le leonesse hanno saputo recuperare tanto da vincere al rush finale: 25 a 23 e vittoria in cassaforte.
Il prossimo turno vedrà la Pastificio Dibenedetto affrontare, ancora in trasferta il Barletta reduce dalla sconfitta contro il Cuti Volley. Avversarie temibili le barlettane che avranno, sicuramente voglia di ripartire per consolidare la loro posizione play off.

La dura legge dell’ex

Nella ventesima partita di campionato di c2, girone B, va in scena l’ultimo derby stagionale tra Pellegrino Sport C5 e l’Alta Futsal. Entrambe le squadre cercavano la vittoria per portare a casa i tre punti, ma il 2-2 finale lascia l’amaro in bocca ad entrambe le società. La Pellegrino Sport C5 si affida ai fedelissimi e manda in campo Lombardi tra i pali, complice l’infortunio di Angelastri, Gramegna G. centrale, Santacroce e Tancredi laterali e l’ex della partita Maino pivot. Primo tempo lento da parte di entrambe le squadre, per la prima vera conclusione dobbiamo aspettare il 10’ quando Maino, dopo aver recuperato palla a centrocampo, entra in area e tira ma, il giovanissimo Vitale devia in angolo. Dieci minuti più tardi Montemurno, da sinistra, vede l’inserimento di danilo D. in area e lo serve, ma quest’ultimo sbaglia l’aggancio ed effettua un tiro che finisce di molto fuori. Alta Futsal concede solo due azioni pericolose nel primo tempo, grazie ad un ottima copertura difensiva da parte dei propri giocatori, ma allo scadere del primo tempo Cirrottola tira di punta da posizione defilata ma Lombardi riesce a deviare in angolo. Primo tempo che si conclude con uno 0-0 e con poco spettacolo.

Partita completamente diversa nel secondo tempo, entrambe le squadre vogliono vincere il derby e, la voglia di segnare spinge le squadre a buttarsi in attacco, infatti al 2’ la Pellegrino Sport C5 si butta in attacco ma, Stano recupera palla a centrocampo e si trova uno contro uno con Lombardi, prova a batterlo ma il tiro si schianta sul palo sinistro. 8’ vediamo il giovane Vitale mettersi in mostra con un doppio super intervento, prima devia un tiro insidioso di Gramegna G., dalla deviazione la palla arriva a Facendola, che ribatte in porta, ma Vitale riesce a deviare in angolo ed a salvare il risultato. Pellegrino Sport C5 si porta in vantaggio al 12’ grazie al capitano Gramegna, Montemurno vede il compagno inserirsi sul secondo palo e, con un ottimo pallone filtrante, manda in porta il suo capitano che a porta semi sguarnita, segna il momentaneo 1-0. Passa poco più di tre minuti e l’Alta Futsal pareggia i conti con un tiro dalla lunga distanza di Casalino, tiro preciso che si infila sul palo alla sinistra di un Lombardi non molto attento. Partita riportata in parità ma  Lombardi, al 19’, esce dall’area e travolge un giocatore avversario, fischio dell’arbitro, sesto fallo e tiro libero assegnato all’Alta Futsal. Dalla panchina entra Sardone per tirarlo e, con un destro precisissimo, trafigge Lombardi alla sua destra. 1-2 che va stretto per l’Alta Futsal e, subito dopo il vantaggio, Sardone cerca la doppietta personale, ma una sua conclusione si schianta sul palo e salva i padroni di casa. Pellegrino Sport C5 cerca di pareggiare la partita con il quinto uomo e, allo scadere dei minuti regolamentari, Maino tira da posizione centrale e regala il pareggio alla sua squadra. Gol non gradito dai suoi ex tifosi, infatti, il bomber della Pellegrino Sport C5 si ritrova a  ricevere insulti abbastanza pesanti, ma l’infortunato Angelastri si trasforma in ultà, e urla al suo compagno di continuare a segnare, coprendo gli insulti indirizzati a Maino.

Partita che si conclude con un pareggio che lascia l’amaro in bocca ad entrambe le squadre, per la Pellegrino Sport C5 è un buon punto per i play-off, ma per l’Alta Futsal un pareggio che va stretto e che porta la squadra altamurana a perdere il primo posto in classifica, vista la vittoria della Polisportiva Adelfia.

PELLEGRINO SPORT C5 – ALTA FUTSAL 2-2

PELLEGRINO SPORT C5: Lombardi, Angelino, Dileo M., Santacroce, Facendola, Gramegna M., Maino, Tancredi, Dileo D., Gramegna F., Carone.

ALTA FUTSAL: Vitale, Cirrottola, Livrieri, Loizzo, Chironna, Casalino, Cornacchia V., Sardone, Cornacchia G., Bardaro, Stano, Lillo.

RETI: 12’ st Gramegna G., 28’st Maino (PS), 15’ st Casalino, 19’st Sardone (AF)

FALLI: 3-2 pt, 6-3 st.

RECUPERO: 1’ pt, 3’ st

AMMONITI: Danilo D., Maino, Lombardi (PS)