Archivi categoria: Notizie

Libertas Basket Altamura, ancora una sconfitta

Libesta Altamura - Didonato CerignolaSeconda sconfitta consecutiva per la Libertas, che vede allontanarsi le prime in classifica

Doveva essere una gara da vincere per dimenticare la sconfitta di Bisceglie di fine 2010, invece il nuovo anno comincia male per la Libertas.
Coach Laterza, per il match contro il Cerignola, deve rinunciare ad Infante e Barozzi ed è vincolato a schierare i convalescenti Maselli e La Stella che in questi giorni non si sono allenati, rispettivamente per un infortunio e per influenza.
Al via delle ostilità l’Altamura parte bene e si porta subito a +9. Il Play Manicone trascina i suoi compagni grazie ai suoi veloci contropiede, mentre la zona in difesa funziona. Il Cerignola è così portato a forzare il tiro da tre, sbagliando diverse occasioni. Mister Mele, a quel punto, è costretto a chiamare 2 time out per riorganizzare le idee. Mossa che funziona. Il Cerignola riagguanta il risultato, chiudendo il primo quarto sotto di uno: 15-14. Nei primi minuti della seconda ripresa si susseguono azioni veloci da una parte e dall’altra. La Libertas cerca di allungare grazie alla tripla di Calia, ma qualche secondo dopo Capuano risponde con la stessa moneta. A 5’35” il Cerignola passa per la prima volta in vantaggio e allunga grazie alle due bombe di Mele. Si va al riposo sul 24-33.
Al termine della pausa lunga il copione non cambia ed il Cerignola incrementa il suo vantaggio grazie a due triple, questa volta, di Arbizzani. Per l’Altamura Manicone e Ciaccia, con una bomba, provano a dare la carica, ma il Cerignola non sta a guardare e risponde con Romano, grazie al solito gioco da tre. La terza frazione di gioco si chiude sul 43-53. All’inizio dell’ultimo quarto l’Altamura ci prova, portandosi a -4 grazie a 8 punti di Bevilacqua. Ma a 5′ dalla fine Mele spezza il gioco chiamando un time out, i ragazzi di coach Laterza non mettono in campo più la grinta vista pochi istanti prima e il Cerignola a quel punto dilaga. Negli ultimi minuti il gruppo si perde d’animo e la squadra ospite chiude sul 55-75.
Con questa sconfitta la squadra altamurana butta via altri due punti preziosi, troppi per un team che vorrebbe lottare per un posto play-off. I ragazzi hanno dimostrato nelle precedenti gare di poter competere con tutte le altre rivali, ma ora iniziano a pesare sulla classifica i cali di concentrazione che hanno durante alcuni spezzoni di gara. Il Cerignola, invece, porta a casa meritatamente i due punti e si avvicina in classifica proprio alla Libertas.
Nel prossimo turno la squadra di mister Mele sarà impegnata in casa contro il Corato, con l’obiettivo di allungare la striscia positiva. L’Altamura, invece, è chiamata alla prova del nove contro l’Angiulli a Bari, sfida delicatissima, dove i ragazzi dovranno cercare di interrompere la serie negativa.

LIBERTAS BASKET ALTAMURA – DIDONATO CERIGNOLA 55–75
Parziali: 15-14, 24-33, 43-53, 55-75

Libertas basket Altamura: Manicone 18, Calia 10, Indrio 10, Bevilacqua 9, La Stella 5, Ciaccia 5, Fiore, Picerno, Maselli, All. Laterza
Didonato Cerignola: Mele 17, Arbizzani 15, Capuano 14, Russo 10, Vuovolo 9, Romano 7, Menduni 2, Valentino 1, Granato, Ficco, All. Mele
Arbitri: Lisco di Bari e Padovano di Ruvo

Libertas BK Altamura
www.libertasaltamura.it

Real Altamura, un pareggio con molti rimpianti

PresentazioneRealIn vantaggio di due reti, la formazione altamurana si fa rimontare dal Mola

Pareggio con molti rimpianti nella prima partita del 2011 per il Real Altamura che, nella gara valida per la diciassettesima e ultima giornata di andata, non va oltre il pareggio per 2 a 2 sul campo dell’Atletico Mola, nonostante il doppio vantaggio conquistato già nel primo tempo.
La formazione biancorossa mette subito le cose in chiaro e già dalle prime battute inizia a spingere per cercare il goal del vantaggio che arriva al 10′: calcio di punizione dalla tre quarti di Maurelli indirizzato verso il centro dell’area, perentorio stacco di testa del centrale difensivo Ricci che non lascia scampo a Lovecchio. Il Real Altamura non si accontenta del vantaggio, continua a dominare la partita in lungo e in largo e così poco prima della mezz’ora arriva il goal del raddoppio grazie all’incornata vincente di D’Introno che insacca la palla sugli sviluppi di un calcio d’angolo.
Nella ripresa i bianco-rossi cercano di addormentare la partita ma devono subire la rabbiosa reazione dei padroni di casa dell’Atletico Mola che all’8′ riescono a rientrare in partita grazie ad un rigore molto dubbio trasformato da Portone. Il Real Altamura cerca di non scomporsi e sembra poter tranquillamente portare a casa i tre punti ma al 28′ arriva la doccia fredda per la formazione altamurana: Portone, ancora lui, sfrutta uno svarione difensivo della retroguardia bianco-rossa e, presentatosi solo davanti a Tedesco, non da scampo al portiere altamurano ristabilendo, così, la parità. Il Real Altamura incassa il colpo e cerca il forcing finale ma prima Doria e poi Ariani non riescono a concretizzare due ottime opportunità per riportarsi in vantaggio. Al triplice fischio finale, grandi proteste tra la dirigenza bianco-rossa, soprattutto all’indirizzo del direttore di gara, il sig. Lopriore, reo secondo gli altamurani di aver fischiato, soprattutto nella ripresa, a senso unico a favore dei padroni di casa, forse influenzato dal folto pubblico di casa. Ne nasce un parapiglia tra gli stessi dirigenti altamurani e i tifosi locali, volano parole grosse, tanto da costringere le forze dell’ordine ad intervenire per evitare guai peggiori.
Il Real Altamura getta al vento una vittoria che, soprattutto dopo i primi quarantacinque minuti, sembrava in cassaforte. Nella ripresa la manovra altamurana si è inceppata e, complice, una direzione di gara abbastanza discutibile e alcuni errori di troppo, la vittoria è sfumata. Il Real Altamura, con questo pareggio, vede allontanarsi la vetta della classifica, ora distante sette punti e occupata sempre dell’Atletico Corato che ha fatto suo il big match con il Canosa, ma con tutto girone di ritorno ancora da giocare nulla è precluso.
Intanto già domenica i realini hanno l’opportunità di riscattarsi con la trasferta, valida per la prima giornata di ritorno, sul campo del Santeramo, in netta ripresa, per un derby che si preannuncia molto equilibrato.

ATLETICO MOLA – REAL ALTAMURA 2-2

ATLETICO MOLA: Lovecchio, Cardone, Cacciapalgia, Mongelli, Iosche (36′ Portone), Pansini, DI Donato, Schirone, Pinto, De Tommaso, Cianci. All.: Buccolieri
REAL ALTAMURA: Tedesco, Maurelli, Chiaradia, Ricci (79′ Ariani), Angelico, Costanza (74′ Petaroscia), De Cristoforo, Vicenti, D’Introno, De Francesco (67′ Siciliani), Doria. All.: Caricola
MARCATORI: 10′ Ricci (RA), 29′ D’Introno (RA), 53′ Portone (AM rig.), 73′ Portone (AM)
ARBITRO: Sig. Lopriore (sez. Foggia)

Domenico Olivieri

Ancora una pareggio per la Puglia Sport Altamura

PugliaSport-AcquavivaInizio d’anno in chiaroscuro per la formazione altamurana che non va oltre il pareggio interno

Inizia in chiaroscuro il 2011 della Puglia Sport Altamura che, nella partita valida per il quindicesimo turno, ultimo di andata, del girone A del campionato di 1^ categoria non va oltre il pareggio casalingo per 1 a 1 contro l’Acquaviva, reduce da due sconfitte consecutive. Per la formazione altamurana una partita senza infamia e senza lode con il pareggio acciuffato nell’ultima parte di gara e grazie a un pizzico di fortuna.
Per questo primo impegno del nuovo anno mister Dibenedetto deve fare i conti con numerose assenze e pertanto è costretto a schierare una formazione abbastanza rimaneggiata. Le prime battute passano senza emozioni particolari, poi al 8′, sono gli ospiti a rompere gli indugi con un colpo di testa di Deceglie che, sugli sviluppi di un angolo, spedisce la palla di poco fuori. Al 14′ è ancora l’Acquaviva a sfiorare il vantaggio con Lavopa che, su assist di Vasco, a tu per tu con La Greca non riesce a superare il portiere di casa che devia in angolo. Due minuti più tardi sono ancora gli ospiti ad andare vicini al goal con Vasco che, su uno spiovente proveniente dalla tre quarti, si inventa una mezza rovesciata con la palla che si stampa sulla traversa. Al 17′ altra opportunità per l’Acquaviva con un tiro dalla lunga distanza di Lavopa che, dopo una deviazione di un difensore altamurano, coglie la parte alta della traversa. Al 19′, finalmente, si fa vedere in attacco la Puglia Sport ma Carnevale riesce ad anticipare Ingrosso servito in profondità da Incampo. È un fuoco di paglia quello degli altamurani perché è sempre l’Acquaviva a fare la partita e, infatti, al 23′ gli ospiti colpiscono il terzo legno di giornata con una punizione dai venti metri di Ferorelli che centra l’incrocio dei pali. La Puglia Sport cerca di colpire in contropiede e al 33′ ha un ottima opportunità per passare in vantaggio: Ardino approfitta di uno svarione difensivo degli ospiti, si presenta in area di rigore e, sull’uscita di Carnevale, tenta il tocco di punta con la palla che però lambisce il palo. Meno di un minuto dopo arriva il vantaggio ospite: su azione d’angolo la difesa altamurana non riesce ad allontanare la palla dalla propria area di rigore, ne approfitta Lavopa che, in qualche modo, riesce a mettere la palla in rete. La Puglia Sport cerca l’immediata reazione e solo due minuti più tardi ha una ghiottissima opportunità per ristabilire la parità: Ardino entra in area di rigore, Carnevale tenta di fermarlo ma il giocatore altamurano cade. Il direttore di gara non ha dubbi e concede il penalty a favore degli altamurani. Si incarica della battuta Ameruoso che però calcia centralmente e così Carnevale riesce a respingere di piede. La formazione altamurana non si scoraggia e si lancia di nuovo in attacco, la difesa dell’Acquaviva si difende bene e così il primo tempo si avvia verso la conclusione senza altre emozioni. Poco prima del duplice fischio finale, però, la Puglia Sport ha un’altra opportunità per il pareggio con Ardino che, su imbeccata di Ingrosso, tira addosso a Carnevale, sulla respinta del portiere ospite Ameruoso tenta il tap-in vincente ma i difensori ospiti riescono ad allontanare il pericolo.
Nella ripresa la Puglia Sport si lancia immediatamente all’attacco e già al 6′ ha una buona opportunità, ancora con Ardino che, sbilanciato da un avversario, conclude di poco fuori. La squadra guidata da mister Dibenedetto mantiene costantemente il pallino del gioco ma le idee sembra poche e confuse. Al 17′ la difesa ospite si fa sorprendere ancora da un lancio lungo, la palla arriva dalle parti di Incampo che supera anche Carnevale ma poi, a porta ormai sguarnita, tira debolmente con la palla che coglie la parte bassa del palo e poi viene allontana. Gli altamurani, comunque, non demordono e al 24′ vanno ancora vicini al pareggio con Ameruoso che, dopo un ottimo scambio con Incampo, dall’altezza del dischetto di rigore, tenta la battuta a rete con Carnevale che però riesce a respingere di piede. L’Acquaviva cerca di colpire in contropiede e al 29′ va vicina al raddoppio con Ferorelli che, su passaggio smarcante di Deceglie, solo davanti a La Greca, tenta il tocco sotto senza, tuttavia, trovare la porta. La Puglia Sport tira un sospiro di sollievo e si lancia nuovamente all’attacco senza riuscire a scardinare la difesa ospite. Poi, finalmente, al 41′, la formazione altamurana riesce a raggiungere il tanto agognato pareggio: azione confusa nell’area di rigore dell’Acquaviva, serie di batti e ribatti, la palla termina tra i piedi di Ameruoso, tiro deviato da Lucarelli e palla che, lentamente, termina in fondo al sacco. Un minuto dopo i padroni di casa hanno addirittura l’opportunità per portarsi in vantaggio ma il tocco di Ameruoso, su assist di Incampo, termina di mezzo metro fuori. Nel primo minuto di recupero sono invece gli ospiti ad avere una buona occasione per riportarsi in vantaggio ma Lavopa, scattato sul filo del fuorigioco, solo davanti a La Greca, tenta il pallonetto che però si spegne sul fondo. Passano ancora quattro minuti senza altre emozioni e così, dopo cinquanta minuti, arriva il triplice fischio finale.
La Puglia Sport, al terzo pareggio consecutivo, deve rimandare ancora una volta l’appuntamento con la vittoria che manca ormai dal lontano 21 novembre quando la formazione guidata da mister Dibenedetto ebbe la meglio sui tarantini del Paolo VI. A parziale scusante, le numerose assenze che non hanno permesso al tecnico altamurano di schiere la miglior formazione.
Le analisi, comunque, sono rimandate di qualche giorno visto che domenica si ritorna in campo: per la Puglia Sport ancora un impegno casalingo, con il derby contro il Gravina, questa volta, con la squadra quasi al completo.

PUGLIA SPORT ALTAMURA – ACQUAVIVA 1-1

PUGLIA SPORT ALTAMURA: La Greca, Maino, Ragone, Cannito, Rifino, Maremonti (87′ Traetta), Caputo, Ingrosso, Ameruoso, Incampo, Ardino (78′ Dambrosio). A disp.: Corradino. All.: Dibenedetto
ACQUAVIVA: Carnevale, Papavero, Di Paola (59′ Quatraro), Lucarelli, Lavermicocca, Coscia, Lavopa, Deceglie, Loseto (76′ Giusto), Ferorelli, Vasco. A disp.: Lorè, Tafuni. All.: Biancofiore
MARCATORI: 34′ Lavopa (A), 86′ Lucarelli (PS, aut.)
ARBITRO: Sig. Campanale (sez. Molfetta)
AMMONITI: 46′ Lavopa (A)
RECUPERO: 2′ pt, 5′ st.

Domenico Olivieri

Libertas Basket Altamura, il resoconto del 2010

Libertas BasketOttimo 2010 per la squadra altamurana di pallacanestro, nata solo a Settembre

La Libertas Basket Altamura si lascia alle spalle un ottimo 2010. La società altamurana nata solo a Settembre si è iscritta al campionato di Basket di serie D con l’obiettivo play-off.
I dirigenti hanno confermato il gruppo di atleti che lo scorso anno facevano parte di un’altra società altamurana. Ai vari La Stella, Indrio, Calia, Ciaccia, Fiore e Barozzi, la società, di comune accordo con coach Laterza, ha ingaggiato Maselli, Infante, Lauriero e richiamato dal prestito Manicone, lo scorso anno a Santeramo. Durante questo primo scorcio di stagione è andato via Tasselli, ora all’Angiulli Bari, ma è tornato il capitano Bevilacqua, un uomo di esperienza.
In queste 13 giornate il mister ha saputo plasmare un gruppo giovane, 22 anni la media di squadra, e competitivo; la Libertas occupa tutt’ora il 6° posto con 16 punti, in piena corsa play-off. La squadra ha dimostrato fin qui carattere, lottando fino alla fine in ogni match, come nelle gare contro ARX Bari e il Diamond Foggia, vinte rispettivamente di 1 e 2 punti. Le 5 sconfitte sono maturate contro le squadre che occupano le prime quattro posizioni di classifica. Tranne in quella contro il Terlizzi, squadra di livello superiore rispetto a tutte le altre della categoria, i ragazzi sono sempre sembrati essere in partita, sfiorando a volte il colpaccio, come a Lucera, dove avevano un vantaggio di 20 punti che non sono riusciti a gestire. L’unica brutta sconfitta è stata quella dell’ultima giornata del 2010 contro il Bisceglie. La squadra altamurana ha sprecato così un ghiotta occasione per agganciare Fulgor Molfetta e Don Bosco Bari. Degna di nota, invece, è la bella vittoria in casa contro il Molfetta, squadra che lotta per un posto play-off.
In questa prima parte di stagione sono da sottolineare le prestazioni di Maselli, il nuovo acquisto ha una media di 20 punti a gara, e del play Manicone, 16 anni, che dimostra di crescere partita dopo partita. Ma l’asso nella manica è la forza del gruppo: la squadra, infatti ha espresso in più occasioni un ottimo gioco corale, grazie anche a veloci contropiedi e ai fraseggi rapidi. Se a queste ottime caratteristiche si aggiungessero anche una maggior costanza sotto canestro da parte dei nostri lunghi e si evitassero cali di concentrazione, la squadra potrebbe dare molte soddisfazioni ai suoi tifosi. Nelle prossime gare, che aprono l’anno 2011, la Libertas sarà impegnata in casa contro il Cerignola e, in seguito, contro l’Angiulli a Bari, due squadre da non sottovalutare in quanto sono in netta ripresa.
L’auspicio di quest’anno, appena iniziato, è che i ragazzi non si perdano mai d’animo nonostante le difficoltà e riescano a raggiungere i loro obiettivi stagionali, sicché sia ripagato il loro duro lavoro.

Libertas BK Altamura
www.libertasaltamura.it

Fortis Murgia, battuto il S. Antonio Abate per 3 a 1

Fortis Murgia - S Antonio AbateMai in difficoltà, i verde-azzurri vincono e fanno bottino pieno contro i campani

Nella prima giornata di ritorno, che coincideva anche con il ritorno della Fortis Murgia al “D’Angelo” di Altamura, i ragazzi di mister Squicciarini battono con un netto 3-1 i campani del S. Antonio Abate e festeggiano, come meglio non si poteva, il nuovo anno arrivato solo da qualche giorno. Gara dai due volti: ad un primo tempo frizzante e piacevole, è seguita una ripresa avara di emozioni e di episodi interessanti.
Partenza lanciata per i padroni di casa, che al 5′ sfiorano la rete con Petruzzella, che, lanciato a rete da una svirgolata a centrocampo di Vitagliano, entra in area e lascia partire un vero e proprio missile terra-aria che coglie la traversa e rimbalza qualche centimetro oltre la linea di porta. Il vantaggio murgiano arriva soltanto due minuti più tardi con Di Maio che trasforma magistralmente un punizione dal limite dell’area, procurata da Cannito grazie ad una bella incursione offensiva. Non c’è neanche il tempo di rendersi conto di essere passati in vantaggio, che, il S. Antonio Abate pareggia: al 10’, complice uno svarione difensivo dei padroni di casa, Tedesco si ritrova tutto solo e, a pochi metri da Errichiello, non può fare altro che mettere la palla in rete per il pareggio campano. I ragazzi di mister Squicciarini, molto arrabbiato con la sua difesa nell’occasione del pareggio ospite, non si scompongono e cinque minuti più tardi passano ancora in vantaggio grazie ad un calcio di rigore dubbio. L’azione inizia da Di Maio che trova un varco e lancia sulla destra Lupacchio; dopo una lunga falcata, l’attaccante murgiano  viene messo giù al  momento dell’ingresso nell’area di rigore: per il direttore di gara è calcio di rigore e cartellino rosso diretto per il difensore campano Biancardi; sul dischetto si presenta lo stesso Lupacchio che spiazza Donnici e porta la sua squadra avanti per 2-1. Al 25’ il S. Antonio Abate potrebbe pareggiare ancora con il solito Tedesco che riesce a superare Errichiello in uscita ma si ritrova Digirolamo quasi sulla linea di porta che ribatte con il corpo il tiro dell’ala giallo-rossa. Il primo tempo si chiude con un’altra occasione per i padroni di casa che sprecano una ghiotta occasione per triplicare con Lupacchio che lanciato a rete dal brillante Di Maio tira addosso al portiere.
Complici la voglia dei murgiani di addormentare la gara e la scarsa vena della squadra campana ridotta a giocare quasi l’intera partita in dieci uomini, si assiste ad un secondo tempo giocato a ritmi molto blandi e con continui lanci lunghi da una parte e dall’altra che non portano a nessuna azione degna di nota.  La Fortis Murgia, comunque, riesce a realizzare la terza rete al 93′ grazie ad un perfetto contropiede iniziato da Gnisci, autentica spina nel fianco per la difesa ospite, e concluso da una bellissima conclusione di Petruzzella che batte Donnici con un tiro che si infila nell’angolino basso alla sinistra dell’estremo difensore ospite.
Con questa vittoria, la squadra di mister Squicciarini si porta al sesto posto in classifica  appaiata con il Pomigliano a quota 30 punti in zona play-off. Non c’è tempo per festeggiare, ne riposare per la squadra verde-azzurra che già domenica è attesa dal banco di prova nella ostica trasferta di Nardò.

FORTIS MURGIA – S.ANTONIO ABATE  3-1

FORTIS MURGIA: Errichiello, Aielli, Digirolamo, Cannito (59′ Desantis), Falanca, Chessa, Lorusso, Di Maio, Lupacchio (48′ Martimucci), Gnisci, Petruzzella. A disp.: Livrieri, Delle Foglie, Dibenedetto, Castoro, Pastore.  All.:  Squicciarini.
S. ANTONIO ABATE: Donnici, Morella (60′ Galasso), Vitiello (37′ Circiello), Dell’Isola, Biancardi, Casapulla, Tedesco (78′ Russo), Vitagliano, Crisantemo, Bercardino, Ragosta. A disp.: Comentale, Cinelli, Liguori, Perrella. All.: Scotto.
MARCATORI: 7′ Di Maio (FM), 10′ Tedesco (SA), 15′ Lupacchio (FM rig.), 93′ Petruzzella (FM).
ARBITRO: Sig.  Loiodice (Matera)
AMMONITI: 23′ Morella (SA), 26′ Gnisci (FM), 28′ Tedesco (SA), 40′ Casapulla (SA), 55′ Cannito (FM), 76′ Errichiello (FM).
ESPULSI: 15′ Biancardi (SA)

Leonardo Loporcaro