Archivi categoria: Speciali

Il primo step del XXV Trofeo Auxilium è andato

Un momento del convegnoSi tratta del convegno “Salute, Sport e Ben…essere”

Lo scorso 26 ottobre nella sala “Tommaso Fiore” in Corso Federico II di Svevia in Altamura, sede del G.A.L. “Terre di Murgia” si è tenuto il convegno di lancio del XXV Trofeo Auxilium intitolato “Salute, Sport e Ben…essere“.
Ad aprirei lavori si sono succeduti gli interventi di Evangelista Tragni Matacchieri , Presidente della Cooperativa Sociale “Auxilium”, di Franco Palasciano , Presidente dell’Atletic Club Altamura e di Ketti Lorusso, Direttore Special Olympics Puglia e Presidente Polisportiva Olimpihà.
Successivamente sono intervenuti il dottor Giovanni Incampo, Dirigente Medico U.O.C. Cardiologia – UTIC- Osp. Reg. “Di Venere” ASL BA, con una relazione avente come titolo “Benefici dello sport sul sistema cardiovascolare. Consigli e cautele”, la dottoressa Donata Maria Pepe, biologa nutrizionista che ha parlato de “Il ruolo dell’alimentazione nella pratica sportiva” mentre l’ultimo intervento è stato quello dell’onorevole Laura Coccia, Deputata PD della XVII Legislatura della Repubblica Italiana, Commissione VII Cultura, Scienza e Istruzione, con una relazione dal titolo “Le sfide dello sport”, accompagnata da un filmato molto applaudito. A presentare e moderare i vari interventi ci ha pensato Felice Griesi, giornalista dell’emittente radio-televisiva “Canale 2”.

Domenico Olivieri

Il “Trofeo Auxilium” festeggia le nozze d’argento

L'inaugurazione del Percorso gastronomico e prodotti tipiciL’evento, iniziato oggi, terminerà domenica con la classica corsa riservata agli atleti agonisti

Con l’inaugurazione di questa mattina della 2^ edizione del “Percorso gastronomico e prodotti tipici“, alla quale hanno presenziato il numero uno dell’Atletic Club Altamura, Franco Palasciano, Ketti Lorusso, direttore regionale Special Olympics e presidente della Polisportiva Olimpihà, Evangelista Tragni Matacchieri, presidente della Cooperativa Sociale Auxilium, Giovanni Saponato, assessore allo sport e alla cultura del Comune di Altamura, Pierino Pepe, ex presidente del consiglio regionale, Vito Dibenedetto, presidente del G.A.L. “Terre di Murgia” e altre autorità, ha preso il via la tre giorni dedicata al “Trofeo Auxilium”, giunto alla 25^ edizione e che terminerà nella giornata di domenica con la classica corsa di 10 km riservata agli atleti agonisti.

Confermati tutti gli eventi collaterali inseriti già nella scorsa stagione all’interno del programma che ha avuto un prologo andato in scena lo scorso 26 ottobre quando, nella “Sala Tommaso Fiore” presso la sede del G.A.L. “Terre di Murgia”, si è svolto il convegno “Salute, Sport e Ben . . . essere“. Oltre al “Percorso gastronomico e prodotti tipici” organizzato dalla G.A.L. “Terre di Murgia” e dal Comitato provinciale della CIA e che, quest’anno, grazie alla festività di Tutti i Santi, sarà presente per ben tre giorni, ci sarà nella sola giornata di domenica, la mostra dell’antiquariato, organizzata con la collaborazione dell’Associazione “Controvento”. Confermati anche tutti gli eventi strettamente agonistici, con la classica “Corsa della Solidarietà” che precederà la gara ufficiale, e la 3^ edizione della “Stracittadina Altamurana” che consentirà anche agli atleti non agonisti di mettersi alla prova con un percorso abbastanza impegnativo. La conclusione dell’evento è prevista per la tarda mattinata di domenica quando saranno premiati i vincitori.
Unica nota negativa, la concorrenza della San Nicola Half Marathon, che si correrà in contemporanea e che, molto probabilmente, non consentirà a quest’edizione di entrare nell’album dei record per quanto riguarda il numero di iscritti. Da segnalare, infine, che a differenza degli ultimi quindici anni, la manifestazione altamurana non fa parte del circuito “Corripuglia”, fattore, anche questo, che inciderà sul numero di iscrizioni.

Domenico Olivieri

Campo “Cagnazzi”, il punto di Giovanni Saponaro

Giovanni Saponaro, assessore alla cultura e allo sport del Comune di AltamuraL’assessore allo sport del Comune di Altamura risponde alle polemiche per la chiusura della gloriosa arena sportiva

Continua la polemica riguardante la chiusura del campo sportivo “Cagnazzi” che, dalla prossima stagione, non sarà più a disposizione delle società sportive per la disputa delle partite di campionato. Dopo aver ascoltato il punto di vista di alcuni dei diretti interessati, ecco la replica di Giovanni Saponaro, assessore allo sport del Comune di Altamura. L’intervista è stata realizzata da Giuseppe Lucariello per pugliacalcio24.it.
Assessore, ci spieghi, innanzitutto, i motivi della chiusura dello storico campo “Cagnazzi”.
“Chi ha parlato di chiusura? È stato preso atto, in un incontro pubblico avvenuto in Municipio, che i lavori richiesti dalla FIGC (nello specifico il rifacimento degli spogliatoi) non sono stati ancora eseguiti. Puntualizzo, però, che in sede di approvazione del bilancio consuntivo riferito all’anno 2012 sono state destinate risorse per queste opere. Si attende, quindi, l’approvazione del bilancio preventivo (anno 2013 ndr) per poter utilizzare questi fondi. Nell’incontro è quindi emerso questo stato dei luoghi e il sottoscritto ha cercato, con la collaborazione delle associazioni presenti, di esser pronti con soluzioni alternative.”
Quali sono le proposte dell’amministrazione per ovviare al problema ?
“L’iscrizione ai campionati ufficiali può avvenire anche senza l’immediata presentazione delle disponibilità dell’impianto sportivo. La stessa può essere comunicata in seguito in federazione. Nel frattempo l’amministrazione si sta adoperando per trovare soluzioni in grado di assicurare il normale svolgimento dei campionati. A tal proposito è stato richiesto alle associazioni un quadro completo delle attività che saranno espletate nella prossima stagione agonistica.”
Cosa chiedete l’amministrazione alle società ?
“L’amministrazione chiede solo collaborazione alle associazioni sportive. È normale che in un periodo di ripristino delle strutture sportive, abbandonate dagli anni ’80, qualche disagio può nascere. Si cercherà di ridurre al minimo le difficoltà, ma per questo abbiamo bisogno della collaborazione e del sostegno di tutte le realtà esistenti nel territorio.”
Questa quindi la posizione dell’amministrazione comunale, anche se la problematica del “Cagnazzi” è lungi da essere terminata. Nei prossimi giorni cercheremo di raccogliere altri punti di vista, sia delle società calcistiche sia di quelle impegnate negli altri sporti di squadra: per queste ultime c’è da risolvere la questione “Palazzetti dello Sport”.

Domenico Olivieri

Torneo delle Regioni, la parola ai protagonisti

La rappresentativa pugliese di calcio a 5Mister Mascolo e i tre atleti altamurani tracciano un bilancio della manifestazione

Con la vittoria della Lombardia sul Veneto, sabato scorso si è chiuda la 52° edizione del Torneo delle Regioni di calcio a 5. La manifestazione ha visto anche la partecipazione della squadra pugliese, guidata dal tecnico altamurano Saverio Mascolo, rappresentativa che, tra mille rimpianti, non è riuscita ad accedere alle semifinali. Il cammino della nostra squadra, infatti, si è fermato nel girone di qualificazione, terminato con tre vittorie, su Abruzzo ,Friuli Venezia Giulia e CPA Bolzano, e una sconfitta, quella rimediata all’esordio contro i padroni di casa della Sardegna che, proprio in virtù di quel successo, a parità di punti, si sono guadagnati un posto tra le prime quattro.
Rammarico, quindi, per una qualificazione solo sfiorata, anche per colpa del lungo trasferimento: “Mancare così la qualificazione” – attacca il tecnico altamurano – “dispiace molto. Purtroppo, abbiamo pagato il lungo viaggio che ci ha portato in Sardegna, con ben diciotto ore di traghetto e mare mosso. Siamo arrivati alla partita di esordio senza aver riposato abbastanza e i risultati si sono visti. In più, tra infortuni e squalifiche, non ho mai potuto contare sulla squadra al completo. Il bilancio” – conclude Mascolo – “è comunque positivo perché dopo la partita di esordio siamo andati in crescendo, battendo, con qualche patema, l’Abruzzo e in maniera convincente, sia il Friuli Venezia Giulia che il CPA Bolzano. Inoltre, abbiamo ricevuto i complimenti dei nostri avversari per il gioco espresso e queste sono gratificazioni che fanno bene a tutto il movimento”.
Come già raccontato, Mascolo non era l’unico altamurano impegnato in Sardegna, perché in squadra c’erano anche tre giocatori, Lucio Montemurno, capitano della squadra, Vito Pestrichella, autore di quattro goal e Giuseppe Falcicchio, il più giovane dei tre e quello con prospettive di crescita maggiori. Iniziamo dal capitano, Lucio Montemurno: “Per me era la seconda esperienza consecutiva al Torneo delle Regioni. Anche quest’ano ho trovato un gruppo fantastico con il quale mi sono sentito a mio agio. Peccato per la sconfitta contro la Sardegna perché potevamo giocarcela con tutti. A livello personale, però, non mi è andata molto bene perché durante la prima partita mi sono infortunato e le altre tre le ho vissute dalla panchina. Non nego che, da capitano, ci tenevo tantissimo a giocare ma spero di aver dato lo stesso il mio contribuito, almeno morale.” Queste, invece, le sensazioni di Vito Pestrichella: “Questa è stata una delle esperienze più belle della mia vita. Si è creata quasi una famiglia, a partire dallo staff, tutti sempre disponibili. Insomma, a distanza di qualche giorno, c’è già una gran nostalgia e soprattutto rammarico per aver perso quella prima partita. Sono sicuro che se fossimo arrivati in condizioni fisiche migliori, non ci sarebbe stata storia, e, chissà, forse saremmo arrivati in finale. Comunque, va bene così.” Infine, ecco le dichiarazioni di Giuseppe Falcicchio: “Anche per me è stata un’esperienza fantastica. Mi sono sentito subito a mio agio grazie ad un gruppo fantastico. Ho conosciuto persone speciali che mi hanno aiutato nei momenti difficili. Ho riso e ho pianto con loro. Un ringraziamento, infine, anche a mister Mascolo che ha creduto in tutti noi, permettendoci di vivere questa bellissima avventura.”
Archiviate le fatiche del Torneo delle Regioni, per i nostri tre portacolori è già tempo di rituffarsi in campionato dove c’è da conquistare la salvezza in C1 con la maglia della Pellegrino Sport.

Domenico Olivieri

La Puglia fuori dalla semifinali

La mascotte del 52° Trofeo delle RegioniAi ragazzi pugliesi non basta la vittoria sul CPA Bolzano

La Puglia per il primato, Bolzano per onorare il torneo. Nell’ultimo turno del raggruppamento A, la formazione pugliese liquida con un rotondo 9-1 il fanalino di coda.
Bolzano privo di Innocenti e Perini, Puglia senza Di Modugno. Mister Mascolo parte con Monopoli, Pestrichella, Corriero, Falcicchio e Lucà, mentre il tecnico del Bolzano fa partire in quintetto Dallabona, Frangipani, Guarda, il giovanissimo Rizzo e Secchi.
L’inerzia della gara la si capisce subito con la più quotata Puglia alla ricerca del gol, dopo appena 3’20 Pestrichella, dopo uno scambio con Falcicchio, calcia a lato della porta difesa da Dallabona. Ancora Falcicchio veste i panni dell’assist-man e serve a Corriero la palla del vantaggio, tocco da pochi passi e Puglia avanti. Nell’arco di sei minuti la Puglia mette al sicuro il risultato con le marcature di Pestrichella (6′), tocco a porta vuota dopo l’ottima giocata di Corriero, (6’13) Riondino, che sfrutta al meglio un disimpegno errato di Secchi. Lo stesso Riondino si ripete al 9′ e al 11’40 prima con un’azione personale, palla che entra nell’angolino basso ed inganna Dallabona e poi con un tocco facile da pochi passi su pregevole azione personale di Ciliberti. Anche il Bolzano si rende pericoloso con Secchi, ma la sua conclusione viene deviata in calcio d’angolo da Monopoli e con Frangipani, ma il suo pallonetto viene allontanato da un difensore pugliese. Prima dell’intervallo ancora Secchi, su calcio di punizione, impensierisce Monopoli che respinge e, proprio allo scadere, Lorusso porta a sei le marcature della Puglia, sfruttando un pallone vagante all’interno dell’area di rigore avversaria.
Ad inizio ripresa, Crupi, accorcia le distanze con un bel tocco sotto la traversa. Al 6′ Riondino porta a quattro le sue marcature personali con una conclusione rasoterra che beffa Dallabona. Passa un solo minuto e Simmini porta a 8 i gol della Puglia ribattendo in rete una corta respinta del portiere di Bolzano. Al 17′ Bolzano ha la possibilità di portare a due le proprie marcature con Frangipani, ma il suo tiro libero dai 10 metri termina alto. A due minuti dal termine la Puglia chiude i conti con Pestrichella, abile ad aggirare per due volte il diretto avversario e ad insaccare con un tiro ad incrociare che non lascia scampo al numero uno del Bolzano.
Putroppo per la Puglia, la vittoria non è bastata per accedere alle semifinale dove è approdata la Sardegna, impostasi per 6 a 3 sul Friuli Venezia Giulia.

PUGLIA – CPA BOLZANO 9-1

PUGLIA
: Monopoli, Ciliberti, Lorusso, Simmini, Pestrichella, Riondino, Corriero, Montemurno, Falcicchio, Lucà, Rigante. Allenatore: Mascolo Saverio.
CPA BOLZANO: Dallabona, Cavalli, Codogno, Crupi, Frangipani, Guarda, Rizzo, Salvadori, Secchi, Critelli. Allenatore: Gentilini Claudio.
RETI: 4’45 Corriero, 6′ Pestrichella, 6’13 Riondino, 9′ Riondino, 11’40 Riondino, 20′ Lorusso, 2′ st Crupi, 6′ Riondino, 7′ Simmini, 18′ Pestrichella.
ARBITRI: Fois e Lampis

http://www.lnd.it/torneodelleregioni/

“Trofeo delle Regioni”, l’analisi di mister Mascolo

La spedizione pugliese al completoIl tecnico altamurano parla alla vigilia dell’ultima partita del girone di qualificazione

Questa mattina, alle ore 09,00, a Quartu Sant’Elena, è in programma la partita tra le selezioni del CPA Bolzano e la Puglia. La rappresentativa pugliese di calcio a 5, all’ultima partita del girone di qualificazione, deve assolutamente vincere e sperare che la Sardegna, in campo alle ore 11,00, non vinca contro il Friuli Venezia Giulia. La qualificazione, quindi, non dipende solo dalla squadra allenata da Saverio Mascolo e, alla luce dei risultati, pesa come un macigno la sconfitta nella partita di esordio proprio contro i padroni di casa della Sardegna.
Queste le parole del tecnico altamurano alla vigilia della partita che può valere la qualificazione: “Purtroppo sul risultato e sulla prestazione della partita contro la Sardegna ha pesato il lungo viaggio in traghetto, 18 ore, con il mare mosso, che ha reso indisponibili il portiere titolare Monopoli ed il laterale Lucà. Comunque, nonostante questo, abbiamo retto bene per poi crollare negli ultimi dieci minuti. Le altre due partite, quella contro l’Abruzzo e quella contro il Friuli Venezia Giulia le abbiamo vinte giocando meglio e, a tratti, divertendo il pubblico. Tuttavia, abbiamo avuto delle defezioni perché Montemurno si è infortunato alla caviglia e Di Modugno ha saltato una partita per squalifica. Oggi affrontiamo la Provincia Autonoma di Bolzano, con l’obbligo di vincere. La qualificazione, però, non dipende da noi perché, poi, dobbiamo aspettare il risultato della Sardegna. In ogni caso le nostre speranze di qualificazione, rispetto a ieri, sono molto più alte perché l’Abruzzo, sconfiggendo la Sardegna, ci ha fatto un favore”.
Adesso, bisogna aspettare il responso del campo con una certezza: comunque vada sarà un successo.

Girone A

4^ Giornata
Abruzzo-Sardegna 4-1
Friuli Venezia Giulia-CPA Bolzano 8-1

Classifica
Abruzzo 4 (4 partite)
Sardegna 6 (3 partite)
Puglia 6 (3 partite)
Friuli Venezia Giulia 4 (3 partite)
CPA Bolzano 0 (2 partite)

Domenico Olivieri

 

“Trofeo delle Regioni”, primo bilancio per la Puglia

La spedizione pugliese al completoDalla Sardegna, notizie sulla selezione guidata dal tecnico altamurano Saverio Mascolo

Oggi, con la terza partita del Girone A del torneo riservato alle selezioni di Calcio a 5, per la formazione allenata dal tecnico altamurano, Saverio Mascolo, si è chiusa la prima parte della 52° edizione del “Trofeo delle Regioni”. La squadra pugliese, della quale fanno parte anche tre giocatori altamurani, Lucio Muntemurno, Vito Pestrichella e Giuseppe Falcicchio, infatti, domani è attesa da un giorno di riposo, poi mercoledì quarta e ultima partita di qualificazione che, molto probabilmente, sarà decisiva per la qualificazione.
L’avventura della selezione pugliese è iniziata domenica con una sconfitta contro i padroni di casa della Sardegna che si sono imposti per 7 a 3. Decisive, per gli isolani, le prestazioni di Nonnis e Paderi che hanno siglato entrambi una doppietta. Partita, comunque, in bilico per tutta la prima frazione chiusa con il parziale di 2 a 2. Nella ripresa i sardi hanno preso in mano il pallino del gioco, prendendo il largo. Di Riondino, doppietta e Lorusso le marcature dei nostri portacolori.
La squadra pugliese si è prontamente rifatta nella seconda giornata quando ha superato l’Abruzzo con un rotondo 3 a 0. I ragazzi di Mascolo hanno chiuso la pratica nel primo tempo rilanciandosi in classifica e mortificando le speranze di qualificazione degli abruzzesi. Grande protagonista della partita il bomber altamurano Vito Pestrichella, a segno con una doppietta mentre l’altro goal è stato messo a segno da Riondino, capocannoniere della squadra con tre goal. Da registrare, per i pugliesi, un deciso cambio di mentalità rispetto alla prima partita e un cambio a livello tattico, il pressing alto che ha dato i suoi risultati.
La terza partita ha visto i pugliesi affrontare e sconfiggere, con il risultato di 4 a 3, il Friuli Venezia Giulia. Gran bella partita quella andata in scena al Palazzetto dello Sport di Elmas. I ragazzi di Mascolo hanno tenuto un margine di sicurezza fino a tre minuti dalla fine quando sono stati ripresi dagli avversari, poi è successo di tutto. Corriero su tiro libero ha riportato i suoi avanti, Di Modugno si è fatto espellere ma i friulani non sono riusciti a riportate in equilibrio la gara pur con un uomo in più. Prestazione corale, quindi, per la squadra pugliese che ha mandato in rete quattro marcatori diversi, Ciliberti, Lucà, Di Modugno e Corriero.
In classifica comanda la Sardegna con sei punti, gli stessi della Puglia che, però, ha disputato una partita in più. Segue l’Abruzzo con quattro punti e il Friuli Venezia Giulia con uno. Chiude il CPA Bolzano ancora fermo al palo. Con questa classifica, la Puglia, per arrivare prima e quindi qualificarsi per le semifinali, deve sperare nella vittoria dell’Abruzzo sulla Sardegna, ma non basta: nell’ultima giornata la squadra guidata da mister Mascolo deve vincere contro il CPA Bolzano e sperare che la Sardegna non vinca contro il Friuli Venezia Giulia. Qualificazione, quindi, abbastanza improbabile, ma non impossibile.

Girone A

1^ Giornata
Friuli Venezia Giulia-Abruzzo 1-1
Puglia-Sardegna 3-7

2^ Giornata
Sardegna-CPA Bolzano 3-0
Abruzzo-Puglia 0-3

3^ Giornata
Puglia-Friuli Venezia Giulia 4-3
CPA Bolzano-Abruzzo 3-13

Classifica
Sardegna 6 (2 partite)
Puglia 6 (3 partite)
Abruzzo 4 (3 partite)
Friuli Venezia Giulia 1 (2 partite)
CPA Bolzano 0 (2 partite)

Domenico Olivieri

Seconda vittoria per la Puglia

La mascotte del 52° Trofeo delle RegioniPartita ricca di emozioni con in inferiorità numerica nelle battute finali

Al Palazzetto dello Sport di Elmas va in scena la terza giornata del raggruppamento A, lo stesso della Sardegna di mister Petruso, con la sfida tra la Puglia e il Friuli Venezia Giulia di mister Doria.
Primi venti minuti di sostanziale equilibrio, con la Puglia più pericolosa in fase offensiva con Ciliberti, vera spina nel fianco della retroguardia friulana. La Puglia inizia con Monopoli tra i pali, Pestrichella, Riondino, Corriero, Lucà come uomini di movimento. Risponde il Friuli Venezia Giulia con Vascello, Pellegrini, capitan Zanuttini, Mesi e lo sgusciante Buriola.
Parte subito forte il Friuli che sfiora il gol al 2′ con la conclusione di Buriola deviata in angolo con Monopoli in netto ritardo, sugli sviluppi del calcio d’angolo Zanuttini col destro sfiora il palo. La risposta pugliese non si fa attendere, passano trenta secondi e Riondino intercetta la sfera su rimessa laterale ma non trova il gol con la palla che sfiora il palo alla destra di Vascello. Dal 7′ inizia la lunga sfida a distanza tra il miglior giocatore pugliese, Ciliberti, e l’estremo difensore friulano Vascello. La gara si sblocca dopo 10’30 sulla giocata di Corriero, abile a superare due giocatori in dribbling e a sfruttare al meglio la superiorità numerica, palla a Ciliberti che supera Vascello. La Puglia spinge ancora sull’acceleratore alla ricerca del raddoppio ma Vascello e capitan Zanuttini innalzano un muro quasi insuperabile, sino a quando Lucà supera Vascello con un destro preciso che passa tra le gambe dell’estremo difensore friulano. Il doppio vantaggio scuote i ragazzi di mister Doria che sfruttano al meglio un calcio di punizione battuto da Buriola, palla per Zanuttini che non lascia scampo a Monopoli. Allo scadere della prima frazione di gioco Friuli vicino al pari con l’imprendibile Buriola che manda la palla a stamparsi sull’incrocio dei pali a Monopoli battuto.
La ripresa si apre con un altro legno colpito dal Friuli, il destro potente di Cimatoribus fa gridare al gol, ma il risultato rimane invariato. A metà ripresa la Puglia allunga (3-1) con una veloce ripartenza, assist di Ciliberti e gol di Di Modugno. L’orgoglio di Pellegrini e compagni è tutto nella doppietta di Buriola, autore di due gol e un assist. Al 15′ scaglia un destro imparabile su calcio di punizione (Monopoli non è esente da colpe visto che la palla si insacca sul suo palo) e al 17’30 sfrutta al meglio l’assist di Sironi e da pochi passi fissa il risultato sul 3-3. Il Friuli si carica di falli e al 18′ Corriero supera Vascello su tiro libero mandando la palla sotto l’incrocio dei pali, regalando i tre punti alla Puglia. A 1’20 dal termine Di Modugno viene allontanato per doppia ammonizione, il Friuli tenta l’ultimo assalto ma il risultato non cambia.

PUGLIA – FRIULI VENEZIA GIULIA 4-3

PUGLIA: Monopoli, Ciliberti, Lorusso, Simmini, Pestrichella, Di Modugno, Riondino, Corriero, Montemurno, Falcicchio, Lucà, Rigante. Allenatore: Mascolo Saverio
FRIULI VENEZIA GIULIA: Vascello, Pellegrini, Dalla Santa, Zanuttini, Gasich, Cimatoribus, Accatante, Sironi, Mesi, Buriola, Yagofarov. Allenatore: Doria Giovanni
RETI: 10’30″pt Ciliberti (P), 14’pt Lucà (P), 14’30″pt Zanuttini (F), 9’30″st Di Modugno (P), 15′ e 17’30″st Buriola (F), 18’st Corriero (P)ARBITRI: Bizzarro Carlo e Salice Alberto
NOTE: ammoniti 4’st Corriero (P), 6’30″st Ciliberti (P), 10’st Monopoli (P), 13′ Di Modugno (, espulsi: 18’40 st Di Modugno..

http://www.lnd.it/torneodelleregioni/

Puglia, riscatto immediato contro l’Abruzzo

La mascotte del 52° Trofeo delle RegioniVittoria secca sulla selezione abruzzese

La rappresentativa pugliese di Calcio a 5 Maschile riscatta completamente la brutta prova dell’esordio contro la Sardegna sfoderando una prestazione senza sbavature, che riapre il discorso qualificazione al turno successivo.
La squadra di Saverio Mascolo (febbricitante, ma comunque in panchina) deve fare a meno di capitan Montemurno per un infortunio alla caviglia (in elenco solo a onor di firma) e dello squalificato Ciliberti, ma parte subito col piede sull’acceleratore incanalando il match sui binari giusti al 5′. È Pestrichella a sbloccare il risultato e a trovare il raddoppio 4′ dopo, sfruttando al meglio un paio di ottime manovre corali. Il punto esclamativo al match lo mette al 17′ Riondino, bravo a farsi trovare pronto sulla corta respinta della difesa e a calare il tris con un bolide dal limite dell’area.
L’Abruzzo tenta la riscossa nella ripresa, con la squadra di mister Marianetti che prova a riorganizzarsi sbattendo più volte sul muro eretto davanti all’insuperabile Monopoli. Nel finale la Puglia gestisce il vantaggio senza patemi, provando a mettere in pratica alcuni automatismi ben oleati che denotano i progressi effettuati da una squadra apparsa solo troppo emozionata al debutto nella competizione nazionale contro i padroni di casa.

ABRUZZO-PUGLIA 0-3

ABRUZZO: De Angelis, F. Bellante, S. Bellante, Blasetti, Lichella, Crescimbello, D’Avvocato, Di Risio, Galli, Marcolongo, Stipa, Lombardi. All. Marianetti.
PUGLIA: Monopoli, Lorusso, Simmini, Pestrichella, Di Modugno, Riondino, Montemurno, Falcicchio, Lucà, Rigante. All. Mascolo.
RETI: 5′, 9′ pt Pestrichella; 17′ pt Riondino.

http://www.lnd.it/torneodelleregioni/