MaratonaBerlinoGruppo

Diario di un maratoneta, 25 settembre

MaratonaBerlinoGruppoDomenica 25 settembre 2011

Sveglia alle 5:30 del mattino. Tutti giù dal letto e di corsa a fare colazione. È fondamentale, tre ore prima della gara, assumere carboidrati e zuccheri che saranno il carburante per portare a termine una gara così lunga. Alle 7:00 siamo già nella metropolitana che ci porterà in zona partenza che è situata 100 mt dopo la Porta di Brandeburgo. Prima di arrivarci lasciamo la sacca dei nostri indumenti presso le tende predisposte a raccoglierle: sono tantissime, circa 40.000 i partecipanti.
Ci dirigiamo, così, verso la griglia di partenza che ci ospiterà (tutti i corridori all’atto dell’iscrizione dichiarano il proprio ipotetico tempo finale). Noi grazie al nostro tempo dichiarato siamo praticamente a ridosso dei top runners.
La gara parte alle 9:00 in punto. Il mio ritmo e quello dei miei amici è subito più veloce del previsto, ma le gambe girano bene e questo non ci preoccupa. Passiamo ai 10 km in 41:05, circa un minuto e mezzo meno del previsto. Alla mezza maratona il tempo è 1:27:35, due minuti meno di quanto programmato.
Mi sembra di andare troppo forte, ma sento che le gambe non risento di questo passaggio veloce. Nella mia mente comincia a balenare il pensiero: “Può essere la giornata giusta per raggiungere il mio e nostro obbiettivo?” e cioè scendere sotto le tre ore. Decido di gridarlo ai miei amici, i quali mi zittiscono subito poiché manca ancora metà gara.
Questo mio pensiero è ancora più forte al 30° km quando passiamo in 2:05:02, ancora sotto al passaggio previsto. Intanto due mie amici, Mino Filomeno e Giacomo Bruno, si erano leggermente staccati.
Al 38° km anche il mio mentore, secondo me il più forte maratoneta altamurano, Michele Ninivaggi, accusa un leggero calo che lo fa staccare da me e da Francesco Casanova. Assieme a lui raggiungiamo il traguardo tra due ali di folla festante. Prima di tagliare la linea ci prendiamo per mano e ci congratuliamo a vicenda. Tagliamo il traguardo in 2:56:25 e ci abbracciamo quasi commossi e increduli.
Diciassette secondi prima di noi era giunto Francesco Pennacchia. Michele Ninivaggi taglia il traguardo in 2:57:25 e Giacomo Bruno in 2:58:19. Mino Filomeno giunge leggermente staccato in 3:04:15.
Tirando le somme possiamo dire che la nostra trasferta tedesca è stata un grande successo. L’obbiettivo di scendere sotto le tre ore è stato centrato in pieno. È stato un record poiché cinque persone sono scese sotto questo muro ed altri hanno stabilito i loro personali. Ringrazio Mimmo Olivieri e tutta la redazione di AltamuraSport per aver dato voce a noi maratoneti durante questa trasferta tedesca.
 
Filippo Lorusso

The following two tabs change content below.
Avatar

La redazione

Comments

comments

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.