Domar Volley Altamura, torna il mal di trasferta

FilantoCasarano-DomarVolleySconfitta per 3-2 sul parquet della Filanto Casarano, dopo aver condotto per 2-1

Due punti persi: è questo il verdetto che viene fuori dalla trasferta di Casarano per la Domar Volley Altamura che ha sciupato più di un’occasione, portando a casa un solo punticino e perdendo una grossa opportunità di avvicinarsi al treno di testa e chiudere il girone di andata in zona play-off.
Tana delle serpi gremita, pubblico caloroso, ma parquet in condizioni pessime, scivoloso, ai limiti del regolamento (forse addirittura oltre) queste la cornice che accoglie i due sestetti in campo.
Mister Fabrizio Licchelli parte con una sola novità rispetto al sestetto base Andreatta al posto di Cosi, a completare lo “starting six” la diagonale palleggiatore-opposto composta da Enrico Licchelli e Sacco, l’altro laterale Armeti, i centrali Chiga e Sancesario ed il libero Monticelli. Paglialunga risponde con Sette opposto, Zonno al palleggio, al centro De Tellis e Magni, i laterali Maiullari e Disabato ed il libero Rinaldi.
La partita manifesta subito parecchie stranezze con i padroni di casa in grado di portarsi sul 6-3 e costringere il coach biancorosso a chiamare un provvidenziale time-out che permette ai suoi ragazzi di ribaltare la situazione e spingersi fino all’11-7 obbligando, stavolta, il mister leccese a fermare il gioco. Il set prosegue con questa altalena di vantaggi e si va al secondo time-out tecnico sul punteggio di 16-15. Il punto del 17-15 è molto dubbio e mostra come la coppia arbitrale, per usare un eufemismo, non sia affatto in giornata, ma, nonostante ciò, la Domar Volley rimonta e si porta fino al 24-21 momento in cui Schettini sostituisce Magni in battuta. A questo punto un inspiegabile black-out permette ai padroni di casa, con Andreatta in battuta, di pareggiare i conti e portarsi sul 25-24 momento in cui l’allenatore chiama tempo che però stavolta, a differenza del primo, risulta davvero tardivo: niente da fare e Casarano che chiude a proprio appannaggio il primo set 26-24, questo è il primo momento chiave dell’incontro.
I “leoni”, però, tirano fuori la grinta ed al rientro in campo sembrano del tutto motivati a riparare al black-out precedente e ribaltare la situazione. Il secondo set comincia sulla stessa falsariga del primo, con un’altalena di break che porta le due squadre al primo tempo tecnico sull’8-6 Altamura. L’equilibrio si spezza a partire dal 10-12 (azione peraltro in cui Zonno scivola per la seconda volta a causa del terreno di gioco davvero umido); la Domar comincia a macinare gioco e a non sbagliare più ed il vantaggio diventa consistente: prima 11-16, poi 11-18 e addirittura 12-21 quando coach Licchelli utilizza il suo secondo tempo a disposizione. Ancora un black-out inspiegabile sul finire del set che riporta i padroni di casa fino al 17-24, ma il distacco è troppo ed i biancorossi chiudono a proprio favore il set 25-17.
Anche nel terzo parziale l’equilibrio regna fino al primo tempo tecnico in cui le squadre sono sull’8-7 per gli ospiti, ma a rientrare in campo è la sola Domar Volley che chiude la saracinesca e mette a referto una successione di punti e di muri impressionanti (se ne conteranno 7 alla fine di questo set), sul 10-16 il Casarano sostituisce Cosi al posto di Andreatta e sarà il secondo momento chiave dell’incontro, nonostante il solito black-out murgiano il set vola a casa dell’Altamura col punteggio di 19-25 (dopo aver condotto anche 10-20).
Nel quarto set, però, la Domar Volley torna in campo scarica e lenta come aveva iniziato il primo parziale, nonostante si provi a sfruttare il “doppio cambio”; ne approfittano le “serpi” che vanno avanti fino al 12-6 e costringono mister Paglialunga ad interrompere il gioco. Al secondo time-out tecnico il divario è immutato e siamo sul 16-9, la partita sembra ormai compromessa e l’idea diventa sempre più concreta quando, sul 20-13 il coach biancorosso ferma ancora una volta il gioco. A questo punto avviene una reazione prodigiosa ed i “leoni” riescono a riequilibrare nuovamente le sorti dell’incontro grazie ad una battuta insidiosa, ma nuovamente un errore importante sul 23-22 spegne le speranze altamurane: la palla del possibile aggancio viene sparacchiata malamente fuori, terzo momento chiave della partita. Il Casarano non sbaglia più e vince il quarto set.
Ad inizio tie-break i “leoni” sono ancora scossi dall’occasione sprecata e vanno sotto fino al 6-3, ma riescono a trovare le forze per rimontare fino al 7-7. Ancora una volta, però, incappano in errori banali e cedono anche il quinto ed ultimo set, perdendo due punti preziosi nella corsa ai play-off.
Il Casarano non è sembrata una squadra irresistibile, ha sfruttato a pieno tutte le occasioni sprecate dagli altamurani, ha gestito ottimamente i momenti di crisi senza andare nel panico, ha utilizzato un Sacco in giornata di grazia risultato immarcabile con i suoi 27 punti ed m.v.p. dell’incontro, tutta l’esperienza di Cosi e di Armeti che ha ingranato, però, solo nel finale. La coppia arbitrale non è stata ancora una volta all’altezza di un campionato di B2 pur non avendo condizionato l’esito dell’incontro.
La gara della Domar è risultata senza dubbio sottotono, questa partita andava vinta e col massimo scarto per poter pensare in grande; la coppia di centrali e Maiullari in attacco hanno tenuto bene, ma i troppi errori in momenti decisivi hanno condizionato il buon esito e,come al solito,non è nostro interesse evidenziare le singole pecche. Resta il fatto che si spera che questa sconfitta, sommata a quella di Paglieta (con 5 punti in più saremmo a soli 3 punti dalla coppia di testa!) non pesino troppo a fine campionato quando tireremo le somme della stagione. Non bisogna, però, pensare al passato, né farsi condizionare, bisogna riscattarsi subito, tornare a vincere senza se e senza ma.
Bisogna assolutamente reagire a questo passo falso e farlo nel migliore dei modi sin da Domenica quando ospite al Pala- Baldassarra sarà l’Alessano privo dell’infortunato Mastropasqua, ma determinato a tenere stretta la terza posizione in classifica. Occorre vincere con i tre punti per tenere viva l’ultima speranza rimasta di play-off.

FILANTO CASARANO – DOMAR VOLLEY ALTAMURA: 3-2 (26-24, 17-25, 19-25, 25-22, 15-11)
Durata set: 30′,25′, 27′, 32′, 19′ Tot: 133′.

Filanto Casarano: Licchelli E.(0), Sacco(27), Sancesario(9), Armeti(14), Cosi(5), Chiga(10), Andreatta(8), Monticelli(L), Coi(1), Anastasia(0), Torsello(0). N.e.: D’Amico, Colazzo(L). All. Licchelli F. Aces: 5, Err. Batt.: 10, Muri: 8, Errori punto: 23.
Domar Volley Altamura: Sette(13), De Tellis (15), Maiullari(18), Magni(14), Zonno(2), Disabato(10), Rinaldi(L), Chierico(0), Schettini(0), Troka(0); N.e.: Giove(L), Cataldi. All. Paglialunga, 2° all. Cappiello. Aces: 5, Err. Batt.: 5, Muri: 13, Errori punto: 20.

Ilario Ninivaggi

The following two tabs change content below.
Avatar

La redazione

Avatar

Ultimi post di La redazione (vedi tutti)

Comments

comments

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: