Il Real Altamura ipoteca la finale dei play-off

RealAltamura-Canosa-play-offLa formazione altamurana domina il Canosa e guarda con ottimismo alla partita di ritorno

Inizia nel migliore dei modi l’avventura del Real Altamura nei play-off del campionato di promozione pugliese. La formazione altamurana, al “D’Angelo”, nella partita valida per l’andata del primo turno, domina il Canosa chiudendo la contesa a suo favore con il risultato finale di 3 a 0, risultato che, con un po’ di precisione in più, poteva essere ancora più rotondo.
Anche per questa importante partita mister Abrescia schiera una formazione molto giovane con ben quattro juniores in campo dal primo minuto. Il tecnico del Canosa, Iannone, invece non può schierare la miglior formazione, con l’estremo difensore titolare, Di Leo, che si accomoda in panchina per far posto al giovane Distasi. In attacco la solita coppia formata da Ruscino e Amantino.
Sono, comunque, gli ospiti a partire meglio e già al 3′ si fanno vedere nell’area altamurana con Scassano che, su cross di Amantino, di testa anticipa il suo diretto avversario, ma non riesce a inquadrare la porta. La risposta del Real Altamura arriva al 6′ quando Ariani scende sulla fascia sinistra e mette in area un cross basso sul quale interviene Picciariello che, però, si vede ribattere il tiro. Con il passare dei minuti i padroni di casa riescono a prendere il controllo del gioco e al 12′ sfiorano il vantaggio quando, uno schema su punizione, libera in area Ariani che tenta il gran tiro al volo che, però, si spegne di poco sul fondo. Il Real controlla abbastanza agevolmente la partita ma al 22′ arriva una brutta tegola per mister Abrescia: Angelico si fa male in uno scontro di gioco e deve lasciare il campo. Al suo posto entra Siciliani con Picciariello che viene spostato nell’inedito ruolo di difensore centrale. Il Real Altamura non si scompone e al 32′ si porta meritatamente in vantaggio: punizione da circa venti metri, doppio tocco per Chiaradia che si accentra ed esplode un tiro non molto potente ma preciso che s’infila nell’angolo basso alla sinistra di Distasi. Il Canosa sembra un lontano parente di quella squadra ammirata fino a qualche mese fa, ma, quasi allo scadere della prima frazione, sfiora per ben due volte il pareggio, prima con un tiro-cross di Pinto che coglie la parte alta della traversa, poi con Amantino che, dopo una percussione in area di Ruscino, tenta la girata che sorvola di poco la traversa.
Nella ripresa ci si aspetta il forcing del Canosa, è invece il Real Altamura, dopo appena due minuti, ad andare vicino al raddoppio con Siciliani che, scattato sul filo del fuorigioco, entra in area ma, invece di servire Ariani, tutto solo sulla sua sinistra, s’intestardisce in un dribbling e l’azione sfuma. L’errore del centrocampista biancorosso non scoraggia il Real che, anzi, al 20′ trova il raddoppio: errore di Conteduca che, quasi al limite dell’area di rigore, regala la palla ad Ariani, il folletto altamurano entra in area e, al momento del tiro, viene atterrato da Rizzi. Il direttore di gara, il barese Carella, non ha dubbi e decreta il penalty a favore del Real Altamura, ammonendo per la seconda volta l’autore del fallo che, così, viene mandato sotto la doccia. Dagli undici metri si presenta D’Introno che, con un’esecuzione impeccabile, batte per la seconda volta Distasi. Non passano nemmeno sessanta secondi e il Real triplica: cross dalla sinistra di Siciliani e incornata imperiosa di D’Introno che batte imparabilmente il portiere ospite. Al 27′, poi, Pazienza, subentrato a Ruscino nella prima metà della ripresa, perde la testa e, a gioco fermo, colpisce con una pallonata Ariani, già a terra per un fallo subito. Il gesto antisportivo del giocatore canosino non sfugge al direttore di gara che gli esibisce il cartellino rosso e lo manda anzitempo negli spogliatoi. Il Canosa sembra intontito e al 33′ il Real potrebbe dilagare con De Cristofaro che, però, a tu per tu con Distasi calcia inspiegabilmente a lato. Il Real Altamura, in doppia superiorità numerica, in vista della partita di ritorno, tenta ancora la via del quarto goal che, però, a causa di un po’ d’imprecisione non arriva e, anzi, al 43′ rischia di subire il goal del 3 a 1 quando Amantino controlla una palla all’interno dell’area altamurana e, solo contro Tedesco, spedisce di poco a lato. Il Real tira un sospiro di sollievo e, nell’ultimo dei cinque minuti di recupero concessi dall’arbitro, sfiora ancora il goal con Maurelli che, su assist del solito Ariani, tira a botta sicura, ma centra in pieno un giocatore canosino. Qualche istante più tardi arriva il triplice fischio finale con la squadra altamurana che esce dal campo tra gli applausi del pubblico presente in tribuna.
Per il Real Altamura quella di oggi è stata, forse, la miglior partita disputata nell’intera stagione. Vero punto di forza per l’undici guidato da Saverio Abrescia, i tanti giovani che, nell’ultimo scorcio di stagione, hanno consentito al tecnico altamurano di mantenere la propria imbattibilità da quando si è seduto sulla panchina biancorossa. Ad Abrescia va dato il merito di aver dato un’identità a una squadra che nelle ultime undici partite ha subito soltanto due reti.
Il rotondo successo di oggi consente al Real Altamura di affrontare la partita di ritorno con una certa tranquillità e con una maggior consapevolezza nei propri mezzi. Avrà di fronte una squadra, il Canosa, che, per quello che si è visto in questi primi novanti munti, sembra abbastanza stanca e non in grado di poter ribaltare il pesante passivo rimediato in questa partita.
Nell’altra semifinale il successo ha sorriso al San Severo che, tra le mura amiche, ha battuto di misura la Libertas Bitonto. Il goal vittoria dei padroni di casa è arrivato nei minuti di recupero ma i giochi per il passaggio del turno sono apertissimi.

REAL ALTAMURA – CANOSA 3-0

REAL ALTAMURA: Tedesco, Iurlo, Chiaradia, Tassielli, Favia, Angelico (22′ pt Siciliani), De Cristofaro (33′ st Maurelli), Picciariello, D’Introno (44′ st Doria), Vicenti, Ariani. A disp: Losito, Della Valle, Tafuni, Caputo. All.: Abrescia
CANOSA: Distasi, Fiorella, Di Gennaro, Conteduca, Rizzi, Cellamare (14′ st Santibanez), Pinto, Marzella, Scassano (23′ st Lopez), Ruscino (17′ st Pazienza), Amantino. A disp.: Di Leo, Vitobello, Colangione, Giampalma. All.: Iannone
ARBITRO: Carella di Bari
MARCATORI: 32′ pt Chiaradia (RA), 20′ st D’Introno (RA, rig.), 22′ st D’Introno (RA)
AMMONITI: 28′ pt Vicenti (RA), 30′ pt Rizzi (C), 13′ st Siciliani (RA), 18′ st Chiaradia (RA), 38′ st Amantino (C)
ESPULSI: 19′ st Rizzi (C) per doppia ammonizione, 27′ st Pazienza (C) per gioco antisportivo
RECUPERO: 2′ pt, 5′ st

Domenico Olivieri

The following two tabs change content below.
Avatar

La redazione

Avatar

Ultimi post di La redazione (vedi tutti)

Comments

comments

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: