La Libertas mantiene l’imbattibilità casalinga


Cobar Libertas AltamuraGli altamurani vincono soffrendo con il Cerignola e balzano soli in vetta alla classifica

La dodicesima giornata del campionato di serie D vede due importantissime sfide al vertice: Cestistica Bari – Udas Cerignola e Diamond Foggia – Don Bosco Bari. Invece sul parquet di Altamura va di scena la sfida tra Libertas Basket Altamura e Mediterranea Cerignola. La squadra foggiana va a far visita alla capolista dopo aver affrontato, e perso solo nell’ultimo quarto, la sfida contro l’altra capolista Cestistica Bari. Gli altamurani, invece, vengono da una settimana dura e piena di impegni: le due vittorie, una domenica contro il Barletta, e l’altra, mercoledì nel recupero infrasettimanale contro il Molfetta. Gli uomini di Laterza, nonostante i 4 punti conquistati, hanno rischiato veramente grosso contro il Fulgor Molfetta quasi compromettendo una partita sulla carta molto semplice.
La cronaca. Entrambi gli allenatori devono fare a meno di due pedine molto importanti: Fregola per il Cerignola, capitan Indrio per la Libertas, il cuore della squadra. Coach Laterza parte, allora, con Barozzi, Calia, Manicone, La Stella e Fui mentre Carano risponde con Russo, Merliccio, Rizzi, Romano e Gravato.
La gara comincia con Barozzi che spalle a canestro si libera dell’avversario e battezza la gara con i primi due punti. Il Cerignola risponde con una bomba di Rizzi, ma la Libertas martella grazie alle penetrazioni di Manicone che porta i suoi sul 7-3. Mister Carone, allora, chiama un time-out per trovare le giuste contromisure al play altamurano, ma al rientro è sempre Manicone a colpire. La Libertas con un break di 10-0 si porta sul 12-3. Ad interrompere il parziale a favore dell’Altamura ci pensa Russo, che da il là alla rimonta. La Mediterranea grazie ad una bomba di Rizzi e ai canestri di Russo e Gravato si riporta sul -1. A questo punto è Laterza a chiamare un time-out per spezzare la verve avversaria e al rientro la Libertas fa la voce grossa e chiude il primo quarto sul risultato di 19-12.
Alla ripresa le due squadre danno vita ad un botta e risposta che non vede nessuno prevalere. Laterza, allora, cambia le carte in tavola e manda in campo Calia e Ciaccia per Lauriero e Fui. La mossa sembra funzionare, infatti, la squadra inizia a pressare alto e a non concedere respiro agli ospiti. Manicone penetra e firma il +9, ma sul ribaltamento di fronte è Romano a scaricare la bomba che riaccorcia le distanze. La Libertas non demorde e, con lucidità, La Stella scarica la tripla che ristabilisce le distanze. L’azione successiva vede Ciaccia pressare sul portatore di palla, il numero tredici altamurano recupera caparbiamente il pallone e scatta in contropiede depositando a canestro la palla che vale il 31-20. Le bocce da fuoco altamurane sembrano implacabili, Calia fa 2 su 2 dalla lunetta e Fui firma con una bomba e una penetrazione il massimo vantaggio per l’Altamura +17. Il primo tempo si chiude sul risultato di 44-30 con un ultima bella triangolazione tra Russo, D’amico e Gravato che libera quest’ultimo sotto canestro, il quale non sbaglia.
La ripresa si riapre con la Libertas convinta di aver già vinto e con gli ospiti a dettare il ritmo della gara. Ad aprire le danze ci pensa Rizzi, mentre la Libertas non sfrutta nessuna azione in fase di possesso. Laterza chiama, allora, un time-out, dopo neanche 2′ di gioco e invita i suoi a giocare con la dovuta calma. Ma al rientro sono sempre gli sopiti a fare la partita condotti da uno scatenato Romano. Il Cerignola dopo un break di 9-0 si rifà sotto, ma è costretta a perdere il loro capitano Russo per infortunio. I padroni di casa si sbloccano dopo 6 minuti di gioco con Lauriero, ma sul ribaltamento di fronte Rizzi è bravo a penetrare. Il canestro del numero 14 è condito anche con un fallo che porta gli ospiti sul -4. La Stella con una bomba prova a dare carica ai suoi compagni, ma il Cerignola è brava a rispondere prontamente con Gravato. Sul risultato 52-48 mister Carano chiama un time-out per ridar fiato ai suoi, ma è la Libertas che rientra in campo più decisa. Fui subisce fallo mentre caricava la bomba, dalla lunetta il cecchino altamurano fa 2 su 3, però, poi, è bravo a mettere la bomba che chiude il terzo quarto sul risultato di 57-50.
Alla ripresa gli ospiti entrano con maggior convinzione e riaccorciano in pochi secondi le distanze. Solo dopo 2′ e con il risultato di 59-57, Laterza chiama time-out per far svegliare i suoi. Al rientro la fortuna bacia gli altamurani, infatti, Romano, il migliore tra i foggiani, ha la palla del sorpasso, ma la sua tripla sbatte sul ferro. Sul ribaltamento di fronte Ladisi penetra e firma il 61-57. Le due squadre rispondono colpo su colpo ai canestri degli avversari e il risultato resta invariato. In fase di impostazione La Stella perde palla e sul ribaltamento di fronte gli arbitri fischiano un fallo antisportivo al numero 10 altamurano. Allora Laterza chiama l’ultimo time-out a disposizione con 4′ da giocare e il risultato fermo sul 63-62. Al rientro, dalla lunetta, Capurso ne mette solo una e, poi, i cerignolani non sono bravi a sfruttare il possesso. In fase difensiva gli ospiti marcano stretto Fui e lasciano liberi gli altri. Manicone ne approfitta e scarica la bomba del +3. Sul ribaltamento di fronte La Stella recupera palla e manda in contropiede Fui che firma il 68-63. La partita non si chiude qui, il Cerignola ha un ultima reazione di orgoglio e riesce a pareggiare, 70-70. Con meno di 24 secondi da giocare, Laterza invita i suoi a tenere palla fino alla fine e a provarci negli ultimi secondi. Fui si carica della responsabilità dell’ultima azione. Il numero 8 altamurano penetra e firma il 72-70. A questo punto gli arbitri fischiano un time-out in quanto al tavolo il cronometrista non ha stoppato il tempo dopo il canestro. Carano ne approfitta per dettare un ultimo schema, ma alla ripresa, da centrocampo, il Cerignola spreca la sua ultima possibilità. Al termine della gara il tabellone recita 72-70.
Analizzando il match si può costatare che la Mediterranea Cerignola avrebbe anche meritato qualcosa in più, vista la grinta che ci ha messo dopo essere stata sotto di 17 lunghezze. La Libertas, invece, nei primi due quarti ha dato l’impressione di essersi lasciata alle spalle quei timori reverenziali, da prima in classifica, visti nella sfida contro il Molfetta. La squadra, dopo due quarti più che sufficienti, è andata in black-out e ha perso le ultime due frazioni di gioco (13-20, 15-20). Di certo non ci si aspetta questo da un team che attualmente occupa la prima posizione in classifica. I ragazzi hanno a disposizione una settimana per rifare gruppo ed affrontare ogni partita con un maggiore spirito di sacrificio. Da oggi in poi tutte le squadre venderanno cara la pelle per vincere contro la capolista, quindi bisogna mettere tutti sullo stesso livello e dare l’anima in ogni match.
La Libertas Altamura affronterà domenica prossima la difficile trasferta di Foggia contro il Cus, e, poi, mercoledì scenderà in campo, sul parquet amico, contro il Vieste. Laterza dovrà fare, ancora, a meno di capitan Indrio, out fino a Gennaio. Società e tifosi sperano che i ragazzi vendano cara la pelle nelle ultime due sfide, giochino con il cuore e portino a casa 4 punti che chiuderebbero in bellezza il 2011.

LIBERTAS BASKET ALTAMURA – MEDITERRANEA CERIGNOLA 72-70
Parziali: 19-12, 44-30, 57-50, 72-70

LIBERTAS BASKET ALTAMURA: Fui 24, Calia 5, Manicone 17, La Stella 7, Ciaccia 2, Barozzi 8, Lauriero 2, Ladisi 7, Verrone, Picerno All. Laterza
MEDITERRANEA CERIGNOLA: Merliccio 2, Capurso 9, Valentino 2, Ficco 11, Romano 13, Gravato 12, Russo 4, D’amico 4, Rizzi 13, Sciusco, All. Carano
ARBITRI: Marone di Bari e Giordano di Bari

Libertas BK Altamura
www.libertasaltamura.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.