Serie D, adesso è ufficiale! Il campionato si ferma

Serie D, adesso è ufficiale! Il campionato si ferma

La decisione, causa l’aumento dei contagi, era nell’aria

“Tanto tuonò che piovve” diceva Socrate. E dopo varie voci che si sono rincorse durante gli scorsi giorni la Lega Nazionale Dilettanti, a causa dell’aumento dei contagi tra i tesserati delle squadre, ha deciso di sospendere per due settimane il campionato di Serie D. L’ufficialità è arrivata tramite un comunicato ufficiale che recita così: “Il Dipartimento Interregionale, tenuto conto dei numerosi rinvii richiesti dalle società, sia per le gare di recupero che per quelle in programma domenica 9 gennaio p.v. per accertate e documentate possibilità dei calciatori facenti parte dei “gruppi squadra”, che in virtù di tanto appare necessario, al fine di evitare ulteriori e numerose gare di recupero, procedere al rinvio dell’attività agonistica prevista per domenica 9 e domenica 16 gennaio 2022, dispone
la ripresa del Campionato Serie D 2021/2022 per domenica 23 gennaio 2022 con la calendarizzazione del programma gare previste il 9 gennaio 2022; nelle date seguenti sarà sviluppato il calendario di tutte le successive gare, salvo ulteriori e diversi provvedimenti che dovessero rendersi necessari. Per le date del 12, 16 e 19 gennaio p.v. saranno riprogrammate le gare di recupero non disputate come da calendario di successiva pubblicazione.
Si precisa che in detto periodo le squadre, in ogni caso, potranno continuare a svolgere l’attività nel rispetto delle norme sanitarie vigenti e di quelle che saranno emanate successivamente alla data odierna ovvero di prossima entrata in vigore, previste per l’attività di interesse nazionale e dei Protocolli F.I.G.C.”.
A beneficiare di questo provvedimento c’è anche la Team Altamura che, come riportato in una precedente news, nelle scorse ore ha registrato un focolaio, con ben 10 positivi tra giocatori e staff. Questa decisione, inoltre, va aggiungersi a quella già adottata dalla LND  Puglia relativa allo stop di tutti i campionato regionali e provinciali.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.